Home > Argomenti vari > Le cornacchie domineranno il mondo, iniziando dal Sardistàn, naturalmente…

Le cornacchie domineranno il mondo, iniziando dal Sardistàn, naturalmente…

 

 

Quella che sta diventando la nostra quotidiana fonte di un momento di ilarità pura non finisce mai di stupirci.  C’è chi, malvagio, lo dipinge come uno strisciante tentativo di favorire l’inutile deforestazione dell’Amazzonia, io, invece, credo nella sua mission quotidiana – non gratuita, purtroppo – di risollevar l’umore dei Sardi in momenti non particolarmente floridi per l’economia.      Che pensare altrimenti della fantastica intervista "Il ripascimento ? Al Poetto hanno fatto un ottimo lavoro", a mezza pagina, all’ineffabile prof. Nicolò Buzzo pubblicata oggi (pag. 19) su L’Unione Sarda ?      Un passo oltre la mitica ricetta di su conillu miao a s’acchittu.    Sempre più verso i confini dell’impossibile.     I miei riveriti omaggi al direttore a scabecciu.

 

Nicolò Buzzo, "sessantacinque anni … oggi è preside di tre scuole medie, Cep, Regina Elena e Tuveri", alla faccia di chi parla di crisi della scuola pubblica: "geologo-ambientalista … un’antica militanza nel fronte ambientalista, lunga almeno quanto l’elenco di candidature a questo o quell’incarico politico, purtroppo tutte andate maluccio". L’ultima, alle elezioni regionali del 2004 nelle file di Forza Italia, nota formazione ambientalista, frutto l’opìme bottino di ben 55 voti.      Anche se voleva "unire il fronte ambientalista", in realtà è stato considerato rappresentante dell’ambientalismo sardo così come signor Tore con la sua apixedda, della notissima Ditta "Tore Trasporti" avente sede in Piazza Darsena, è stato considerato il rappresentante degli imprenditori sardi del settore trasporti.  Con tutto il rispetto, ovviamente. 

 

Ma non importa.   Passi per una visione lisergica del Poetto "ripasciuto" ("non si poteva fare lavoro migliore. La sabbia era di quel colore, roccia granitica a grani grossi"), il prof. Buzzo, fondatore e presidente della benemerita associazione "Sardegna da salvare", riusciva "a fare cose impossibili per loro (i biechi ambientalisti ordinari, n.d.r.). In calzoncini da bagno rimanevo giorni interi in mezzo ai fenicotteri e non volavano via.  Li portavo a casa per curarli, i colleghi non gradivano. Un fenicottero l’avevo battezzato Ciccio, gli avevo legato una cordicella nella zampa e lo lasciavo mangiare nello stagno, una volta l’ho portato anche all’Unione Sarda. Quando è guarito, l’ho lasciato libero".    Effettivamente non conosco nessun "ambientalista" così demenziale da portarsi in giro un fenicottero al guinzaglio, anche in violazione di legge, visto che si tratta di specie stra-protetta da decenni e la sua detenzione è vietata.    Magari, però, con Ciccio è rimasto in contatto e continuano a scambiarsi gli auguri per Natale.

 

Ma il clou si ha con l’esposizione del frutto di decenni di duri e faticosi studi etologici: "<Nel cielo di Cagliari voleranno gabbiani con i denti>" preconizzò trent’anni fa … Adesso rilancia: <Le cornacchie hanno un potere ipnotico sugli altri uccelli. Li uccidono senza che oppongano resistenza> .  Non pago, ancora: "<Ho visto un piccione che si faceva uccidere da una cornacchia, era in trance.  Negli ultimi anni si sono riprodotte in maniera esponenziale, mangiano gattini, conigli>".      Forse anche cavalli, ma solo pony.

 

In un paio di sicure frasi Konrad Lorenz, fondatore dell’etologia scientifica e premio Nobel per la medicina 1973, viene buttato in discarica (abusiva) insieme a decenni di studi e ricerche sul campo.      Eppure non è stata rivelata l’ultima grande scoperta scientifica: le cornacchie, dopo essersi fatte le ossa ipnotizzando gli uccelli, inizieranno ad ipnotizzare l’uomo per conquistare il dominio sul mondo…      Siete tutti avvertiti, mai guardare negli occhi una corroga !

 

Stefano Deliperi

 

 

 

 

(foto da http://www.regnoanimale.net/ , da non guardare troppo intensamente, a scanso di pericoli…)

 

  1. m.elena
    7 Settembre 2007 a 13:11 | #1

    questo giornale ha toccato il fondo :) )

  2. freak
    7 Settembre 2007 a 8:31 | #2

    l’occhio spietato della cornacchia della foto incute effettivamente un po’ di timore..che abbia ragione questo prof. Buzzo?!?

  3. mauro
    4 Settembre 2007 a 10:34 | #3

    è una callonata esagerata!!!! Buzzo direttore dell’Unione sarda subito!!!

  4. gianpaji
    3 Settembre 2007 a 14:43 | #4

    in effetti hanno uno sguardo minaccioso..

    bisognerebbe provare a sfidare una volta l’imponenza del loro sguardo!

    mah chissà!!

    bella storia ciao

    Gianna

  5. Vania
    3 Settembre 2007 a 12:16 | #5

    le cornacchie ipnotiche sono una storia ineguagliabile!!! ciao ciao Vania

    P.S. Buzzo dal vivo è ancora meglio!! chiedetelo a chi lo ha avuto come prof!!

  6. francy
    3 Settembre 2007 a 11:44 | #6

    le corroghe ipnotizzano e l’Unione sarda stimola le funzioni intestinali :-) )

  7. fedora
    3 Settembre 2007 a 10:27 | #7

    certo che anche questa intervista non è male. il Buzzo è anche preside di tre scuole medie? ottima figura di educatore con un fenicottero al guinzaglio e le cornacchie ipnotiche: mi spiace di non poterci mandare i miei figli a scuola ma ormai sono cresciuti. un dubbio però mi tormenta: le cornacchie vogliono dominare il mondo e va bene, ma sono anche di origine aliena? e questo Buzzo sa spiegare anche l’origine delle piramidi?

  8. maya
    3 Settembre 2007 a 9:25 | #8

    idiozie incredibili, ma da oggi guarderò le cornacchie con diffidenza :-) ))

  9. Stefano Deliperi
    2 Settembre 2007 a 22:49 | #9

    è tutto fantasticamente vero: Nicolò Buzzo, L’Unione Sarda e pure le cornacchie: la realtà supera spesso e volentieri la fantasia, non sarei mai stato in grado di scrivere una storiella così bella…

I commenti sono chiusi.