Home > Primo piano > Nuova operazione anti-bracconaggio del Corpo forestale e di vigilanza ambientale.

Nuova operazione anti-bracconaggio del Corpo forestale e di vigilanza ambientale.

 

 

Ancora un’operazione anti-bracconaggio.  Questa volta è stato beccato un operaio-bracconiere.  La settimana scorsa un imprenditore-bracconiere, segno che il bracconaggio ha eliminato le differenze di classe, un tempo (forse) esistenti.    Ribadiamo il nostro pieno appoggio al Corpo forestale e di vigilanza ambientale, ai Carabinieri, alla Polizia di Stato che conducono una quotidiana attività investigativa ed operativa contro il bracconaggio.

Lega per l’Abolizione della Caccia, Amici della Terra, Gruppo d’Intervento Giuridico

 

da La Nuova Sardegna, 2 settembre 2008

Muravera. Caccia di frodo, denunciato un operaio. Giancarlo Bulla

 SAN VITO. Un operaio di San Vito S.P. di 45 anni è stato denunciato a piede libero dagli agenti del corpo forestale di vigilanza ambientale della stazione di Muravera per aver esercitato la caccia di frodo. L’uomo è stato sorpreso alle prime luci dell’alba mentre controllava in località Cugurranti i lacci per la cattura di cinghiali che aveva disseminato nella propria vigna. Il bracconiere è stato individuato dopo indagine e appostamenti durati diversi giorni che sono state coordinate dall’ispettore superiore Marco Meloni, comandante della stazione forestale di Muravera. I ranger hanno rimosso le trappole (una quarantina in tutto) e sequestrato un martello da carpentiere che S.P. usava per finire i cinghiali catturati coi lacci.

 

(foto L.A.C.)

I commenti sono chiusi.