Home > Primo piano > Canale di Terramaini, ancora scarichi “sospetti”.

Canale di Terramaini, ancora scarichi “sospetti”.

 

 

Le associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico hanno nuovamente interessato con specifica richiesta di informazioni a carattere ambientale ed adozione di opportuni interventi (nota dell’1 ottobre 2008) il Ministro dell’ambiente, l’Assessore regionale della difesa dell’ambiente, i Sindaci di Cagliari e di Monserrato, l’Assessore provinciale alla tutela dell’ambiente, i Carabinieri del N.O.E., il Corpo forestale e di vigilanza ambientale ed il Procuratore della Repubblica di Cagliari per accertare la natura e la legittimità degli scarichi nel Canale di Terramàini riscontrati nei tratti prospicienti Monserrato (zona sportiva). Infatti nei giorni scorsi da residenti è stata fotografata l’uscita da uno scarico di sostanze biancastre e maleodoranti.     Ormai accade ad intervalli irregolari. Infatti, secondo numerose segnalazioni provenienti da residenti, lo scarico proveniente da Monserrato, in corrispondenza di forti piogge, avrebbe una notevole mole di scarico maleodorante nel Canale, pertanto le associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico avevano interessato con specifico esposto (11 novembre 2007) il Ministro dell’ambiente, l’Assessore regionale della difesa dell’ambiente, i Sindaci di Cagliari e di Monserrato, l’Assessore provinciale alla tutela dell’ambiente, i Carabinieri del N.O.E., il Corpo forestale e di vigilanza ambientale ed il Procuratore della Repubblica di Cagliari.          In precedenza, lo scorso 30 settembre 2007 le associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico avevano denunciato al Corpo forestale e di vigilanza ambientale l’ennesima morìa di pesci riscontrata nel canale di Terramaini, nel tratto cagliaritano.    Si notava anche uno scarico che immetteva notevoli quantitativi di acqua verdastra dallo Stagno di Molentargius nel canale, all’altezza dello svincolo sul Viale Marconi.          Non risulta, poi, risposta all’interrogazione consiliare in proposito di Andrea Scano (P.D.), consigliere comunale di Cagliari.           

                           

Ricordiamo che il Comune di Monserrato aveva risposto (nota prot. n. 10695 del 27 maggio 2008) alla precedente richiesta ecologista di informazioni a carattere ambientale ed adozione di opportuni interventi (esposto dell’11 novembre 2007). Dopo un sopralluogo congiunto, che ha coinvolto anche residenti monserratini, sono stati effettuati prelievi in data 2 aprile 2008 in concerto con Abbanoa s.p.a. (soggetto deputato alla gestione degli scarichi reflui fognari).   Sono stati campionati gli scarichi delle acque piovane provenienti da zone abitate dei Comuni di Monserrato e Selargius e dello scolo nel canale di Terramaini. "Dalle analisi, eseguite nei laboratori della Società Abbanoa S.p.A., non si sono evidenziati significativi inquinamenti.  La Società Abbanoa ha inoltre provveduto a verificare l’integrità della condotta di smaltimento delle acque nere presente parallelamente al canale Terramaini, fugando ogni dubbio circa la possibilità che questa condotta potesse, a causa di eventuali danni, riversare i refluivi sul canale Terramaini". Tuttavia, le morìe di pesci sono un fatto inoppugnabile: "si ritiene … che probabilmente gli episodi segnalati siano da ricondurre allo scarico non regolare di un auto spurgo in qualche caditoia stradale".    

Non risultano, quindi, ancora chiarite le cause delle ricorrenti morìe di pesci, decisamente anche di sensibili proporzioni.   Per giunta in un canale percorso da canoisti sportivi ed oggetto di interventi di disinquinamento negli ultimi anni costati ingenti fondi pubblici.  Presso un parco pubblico, quello di Terramaini, estremamente frequentato. Si attendono in tempi rapidi l’individuazione delle cause e risolutivi interventi, anche di rafforzamento della vigilanza contro eventuali scarichi illeciti, per evitare ulteriori morìe di pesci.

 Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra

 

 

(foto A.P., P.F., S.D., archivio GrIG)

  1. gruppodinterventogiuridico
    3 Ottobre 2008 a 20:41 | #1

    da La Nuova Sardegna, 3 ottobre 2008

    DENUNCIA AMBIENTALISTA. Misterioso caso d’inquinamento, schiuma bianca nel canale Terramaini.

    CAGLIARI. Nuovi scarichi sospetti nel canale di Terramaini. A denunciarlo sono le associazioni ambientaliste Gruppo d’intervento giuridico e Amici della Terra. Nei giorni scorsi – si legge in un comunicato – alcuni residenti nella zona sportiva hanno segnalato la presenza nel canale di sostanze biancastre e maleodoranti provenienti dal comune di Monserrato. «Ormai l’inquinamento – scrivono le due associazioni – accade a intervalli irregolari ma nessuno ha ancora accertato da dove provenga lo scarico fuorilegge». A questo punto, il Gruppo d’intervento giuridico e gli Amici della Terra chiedono l’intervento del Corpo forestale e della magistratura perché indaghino sul misterioso inquinamento.

  2. seba
    2 Ottobre 2008 a 9:45 | #2

    sembra un solvente, che schifezza è?

I commenti sono chiusi.
echo '';