Home > Primo piano > Una lettera all’on. Paolo Maninchedda.

Una lettera all’on. Paolo Maninchedda.

 

 

Gent.mo On. Paolo Maninchedda,

mi hanno segnalato e leggo il delirante commento di tale "Gerolamo" (8 dicembre 2008, ore 22.50) all’articolo "Puttanazza", pubblicato sul Suo sito internet (http://www.sardegnaeliberta.it/?p=1347#comment-8293) il 5 dicembre 2008.

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico in 15 anni di attività ha segnalato alle autorità giudiziarie e amministrative competenti attività edilizie lungo le coste sarde (e non solo le coste) senza stare certo a guardare il "colore" di questa o quest’altra amministrazione pubblica. Solo per rimanere a recenti procedimenti penali si possono rinvenire in aree rientranti in territori con amministrazioni comunali di centro-sinistra (Baia delle Ginestre, Teulada; Piscina Rey, Muravera), di centro (Baccu Mandara, Maracalagonis), di centro-destra (Porto Pino, S. Anna Arresi).  Sono, quindi, destituite di ogni fondamento le adombrate pretese "preferenze" verso denunce esclusivamente contro questo o quest’altro schieramento politico.   Quanto alle adombrate relazioni con il Casic, direttamente o tramite chiunque, esse sono semplicemente inesistenti.  Quanto all’oggetto dell’articolo, "puttanazzo" per la parte che riguarda l’attività da noi svolta per la salvaguardia costiera sul litorale di Arbus, un conto è opporsi alla riedificazione di sana pianta di ruderi ormai esistenti solo sulle carte catastali sulle dune di Piscinas (progetto Marchesini), altro è ritenere positiva la ristrutturazione a fini ricettivi – senza campi da golf, né villette, né ampliamenti volumetrici – di un parallelepipedo in degrado di 40 mila metri cubi a Funtanazza.  Con benefici per il locale tessuto economico-sociale.   E’ la stessa differenza che passa fra la ricerca compulsiva della pagliuzza nell’occhio altrui e la non rilevata presenza della trave nel proprio.

Come può agevolmente verificare direttamente il tenore di tale commento rivela elementi diffamatori ai danni dell’associazione Gruppo d’Intervento Giuridico (e di terze persone) grazie ad argomenti falsi seppure posti in forma "retorica" o di illazioni:  Posso supporre che tale pubblicazione possa esser stata frutto di un errore di valutazione in sede di verifica preventiva.  Pertanto, La invito a rimuoverlo dal Suo sito internet.  Cordiali saluti.

 

dott. Stefano Deliperi

presidente del

Gruppo d’Intervento Giuridico

 

P.S.  capisco benissimo che la nostra pluriennale "battaglia" per difendere le coste sarde dalla speculazione edilizia dìa molto fastidio a parecchi portatori di interessi personali e particolari, capisco meno che il Suo sito dìa loro ampio spazio, soprattutto quando "anonimi".

 

(foto J.I., archivio GrIG)

 

  1. giusy
    10 Dicembre 2008 a 21:33 | #1

    Paolo, se vorrai rileggere il mio primo commento, noterai che ho definito la possibilità di querela “debolezza che sarebbe meglio evitare”, quindi nessuna accusa di pazzia (addirittura!) o di scorrettezza grave. Proprio perchè ricordo il precedente che hai richiamato, direi di lasciare le querele alle persone come quella; voglio sperare che tu e voi siate diversi. Ho letto anche il tuo ultimo commento da Maninchedda e lo condivido, ma forse ti è sfuggito che le critiche a “certi ambientalisti” venivano già dal corpo dell’articolo e forse il povero Gerolamo si è sentito incoraggiato ad esplicitarle, a modo suo. Non lo so con certezza perché non ho letto il commento che è stato rimosso. Temo che il tuo commento non sarà davvero l’ultimo se non ti stancherai prima di rispondere a tutti. Laggiù funziona così, le opinioni diverse da quella del sito o non vengono pubblicate, oppure vengono attaccate fino allo sfinimento. Non chiedermi di tornarci a breve eh, per favore. Mi sei simpatico, ma non fino a questo punto. Ciao.

  2. paolo fiori
    10 Dicembre 2008 a 20:20 | #2

    Giusy ti invito a leggere il mio ultimo commento nel sito di Maninchedda; scopriresti che non sono improvvisamente impazzito e tantomeno scorretto, ma che ad affermazioni “diffamatorie” come conferma Stefano, in genere (per quel che mi ricordo io dei miei studi giurisprudenziali) segue una querela (anche se facoltativa)….. Purtroppo viviamo in un Paese dove il confine tra la malizia e la calunnia è molto labile (e si usa la prima per coprire la seconda). Qualcuno forse dimentica che c’è stato un precedente proprio in questo blog qualche tempo fa e ci siamo dati delle opportune regole…..

  3. giusy
    10 Dicembre 2008 a 10:22 | #3

    Lo so Stefano, in effetti è stato Paolo, nel sito di Maninchedda, a ventilare la querela, il tuo comportamento è stato corretto: hai pubblicato la lettera nel tuo sito (si sa mai, con quelli;) e hai scritto chiedendo che il commento diffamatorio venisse rimosso, almeno finchè non si potrà dimostrare ciò che Gerolamo insinua. Magari è per questo motivo che hanno parlato di “sospensione”… da quelle parti mi ricordano la buonanima di Craxi, dicono di avere grandi assi da tirar fuori al momento opportuno e poi…. puff, aria, aria, aria….

  4. Stefano Deliperi
    9 Dicembre 2008 a 22:10 | #4

    l’On. Paolo Maninchedda ha comunicato di aver “sospeso” il commento in argomento. Grazie Giusy, non ho, però, minacciato alcuna querela. Ho solo fatto presente, come ho avuto modo di dire anche all’On. Maninchedda, che c’era un commento diffamatorio verso il GrIG (e non solo) e che ritenevo opportuno eliminarlo. Purtroppo i responsabili degli spazi web debbono avere sempre la massima attenzione per evitare di essere strumenti di intenzioni diffamatorie di terzi.

  5. giusy
    9 Dicembre 2008 a 22:09 | #5

    Vi esprimo tutta la mia solidarietà, naturalmente. Detto questo, aggiungo che le vostre proteste sono fondatissime, infatti mi sembra abbiano avuto riscontro immediato ;) Nel merito avete pienamente ragione, dato che in quel sito la qualità è quella che è, basta scrivere qualcosa contro Soru e pubblicano qualunque schifezza, mentre la “difesa” viene giudicata come un abbassamento del livello qualitativo del sito. E tuttavia, minacciare querele per il commento di un anonimo in un blog è una debolezza, secondo me, che andrebbe evitata. Anche voi avete un blog e potete facilmente confutare qualunque calunnia, oltretutto Paolo Fiori riesce a farsi pubblicare anche da Maninchedda, cosa che non è da tutti :) )). Approfittatene e mostratevi realmente superiori, tanto chi è in malafede continuerà ad esserlo. Ciao.

I commenti sono chiusi.