Home > Primo piano > Approvato definitivamente il piano regionale di gestione dei rifiuti urbani.

Approvato definitivamente il piano regionale di gestione dei rifiuti urbani.

 

La Giunta regionale ha approvato definitivamente, al termine della procedura di valutazione ambientale strategica – V.A.S., il piano regionale di gestione dei rifiuti urbani. Le associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico avevano inoltrato in proposito uno specifico atto di "osservazioni" (30 giugno 2008).

Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico

 

 

da www.sardegnaambiente.it

Approvato il Piano regionale di gestione dei rifiuti urbani.

Con deliberazione n. 73/7 del 20.12.2008 la Giunta regionale ha approvato il Piano regionale di gestione dei rifiuti urbani. La redazione del Piano è frutto di un’approfondita analisi dell’attuale situazione organizzativa del sistema regionale di trattamento dei rifiuti, del futuro assetto impiantistico e logistico alla luce degli ambiziosi obiettivi che la Giunta regionale ha voluto dare alla raccolta differenziata e alla riduzione della produzione di rifiuti, nonchè delle innovazioni tecniche e organizzative che oggi rappresentano lo stato dell’arte in materia di trattamento finale dei rifiuti.

Il documento è impostato sul concetto di gestione integrata dei rifiuti, posto a fondamento della nuova direttiva comunitaria del Parlamento europeo e del Consiglio Ue n. 2008/98/Ce.
I punti cardine della pianificazione sono quindi:
- un programma per la riduzione della produzione dei rifiuti;
- la raccolta differenziata, spinta sino al raggiungimento di almeno il 65% entro il 2012;
- l’incremento del recupero;
- la minimizzazione degli impianti di termovalorizzazione sul territorio regionale;
- la minimizzazione dei conferimenti in discarica.
Il Piano è stato sottoposto alla valutazione ambientale strategica e ad un’ampia consultazione da parte degli enti locali e delle associazioni ambientaliste.  Inoltre, al termine della valutazione ambientale strategica, con determinazione n. 1187 del 19.12.2008 l’autorità competente, ai sensi dell’art. 15 del D. Lgs. n. 152/2006, ha espresso parere positivo con prescrizioni sul medesimo Piano regionale; successivamente le medesime prescrizioni sono state recepite dal documento di Piano, come riportato in allegato al rapporto ambientale.

Consulta i documenti

Deliberazione della Giunta regionale n. 73/7 del 20 dicembre 2008 – Decisione finale
Piano regionale di gestione dei rifiuti urbani [file .pdf]
Rapporto ambientale [file .pdf]
Sintesi non tecnica [file .pdf]
Parere motivato Vas [file .pdf]
Dichiarazione di sintesi [file .pdf]
Misure adottate in merito al monitoraggio [file .pdf]

 

Parere motivato del Servizio Savi per il Piano Rifiuti.

A seguito delle consultazioni e dell’esame e valutazione delle osservazioni pervenute, il 19 dicembre 2008 è stato emesso il parere motivato sul Piano regionale di gestione dei rifiuti come stabilito dall’art. 15 comma 1 della parte II D. Lgs. 152 del 2006 (Principi generali per le procedure di Via, di Vas, per la valutazione d’incidenza e l’Aia).  E’ stata quindi effettuata una revisione del piano sulla base del parere motivato che è stato approvato con Delibera di Giunta n. 73/7 del 20 dicembre 2008.
Consulta i documenti.
Determinazione n. 32113/1187 del 19 dicembre 2008 del Direttore del Servizio Savi [file .pdf]
Monografia istruttoria di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Rifiuti[file .pdf]

 

(foto S.D., archivio GrIG)

  1. Bio IX
    19 Gennaio 2009 a 19:26 | #1

    A leggere le controdeduzioni (?!?) della Amministrazione Regionale alle osservazioni al nuovo Piano Regionale dei Rifiuti sollevate (giustamente) dal GRIG e da altri interlocutori in merito alla annunciata implementazione e ampliamento degli inceneritori c’è da rimanere senza parole.

    E questi sarebbero i tutori del territorio e dell’ambiente? Questi sarebbero l’alternativa al partito delle centrali nucleari?

    E l’assessorato alla Sanità e l’ARPA Sardegna cosa ne pensano? Anche loro ignorano gli studi che hanno rilevato un aumento di tumori e di altre malattie nelle popolazioni che abitano nei pressi di un inceneritore? E non mi riferisco a quelli di oltre confine (peraltro facilmente consultabili: cfr. 4° Rapporto della Società Britannica di Medicina Ecologica – Giugno 2008, all’indirizzo http://www.stefanomontanari.net/

    images/pdf/rapporto_2008.pdf), ma a quelli (italiani) forniti dall’ARPA Piemonte (cfr. http://www.stefanomontanari.net/images

    /pdf/arpa_inceneritori_tumori.pdf). Neanche questi dati riescono a limitare la voglia irrefrenabile di incenerire?

    Come se questa terra, tanto bella quanto sfortunata, avesse bisogno di altri veleni?

    Ormai è chiaro che, da qualunque parte ci si volti, destra o sinistra, non abbiamo speranze: siamo in mano, nella migliore delle ipotesi, a un gruppo di incoscienti, aspiranti suicidi, le cui decisioni, purtroppo, coinvolgeranno tanti innocenti (penso soprattutto ai bambini).

    E noi, con il nostro voto, dovremmo sottoscrivere la nostra condanna a morte, avvallando queste scelte scellerate? No, almeno non con il mio.

    Facciano pure gli inceneritori, le centrali nucleari etc. etc., ma se ne assumano la responsabilità: le conseguenze delle loro scelte ricadano esclusivamente sulla loro coscienza (se ancora ne hanno una).

I commenti sono chiusi.