Home > Primo piano > DIVENTA UNA SENTINELLA DELL’AMBIENTE CON IL GRUPPO D’INTERVENTO GIURIDICO!

DIVENTA UNA SENTINELLA DELL’AMBIENTE CON IL GRUPPO D’INTERVENTO GIURIDICO!

14 Settembre 2009

 

Il Gruppo d’Intervento Giuridico è un’associazione ecologista che agisce in completa autonomia, su segnalazione di associazioni, comitati, singoli cittadini. Dal 1992 difendiamo il territorio dagli attentati che, quotidianamente, vengono portati avanti da speculatori, inquinatori e, purtroppo, amministratori pubblici distratti o insensibili, ottenendo, spesso, importanti risultati nella salvaguardia dell’ambiente, delle nostre bellezze naturalistiche, paesaggistiche e archeologiche. Le battaglie ambientali vinte e il sostegno di tante persone ci spronano ad impegnarci quotidianamente, non senza difficoltà, per vivere in un mondo migliore e pensiamo che in tutta Italia ci siano persone disposte a battersi per lo stesso scopo. Noi cerchiamo quelle persone, perché solo unendo le nostre forze è possibile difendere la Terra che ci ospita.

Se hai voglia di diventare una sentinella dell’ambiente, ti chiediamo di diventare referente del Gruppo d’Intervento Giuridico nel luogo in cui abiti, non è richiesta alcuna preparazione particolare, servono soltanto voglia di fare, passione, coraggio e, soprattutto, amore per la Terra, puoi contattarci a questi indirizzi di posta elettronica: grigsardegna@tiscali.itgrigsardegna5@gmail.com . Ti aspettiamo!  

                                                         Gruppo d’Intervento Giuridico 

  1. Annachiara Lilliu
    18 Marzo 2010 a 12:15 | #1

    ho visto il filmato e letto tutto, nel frattempo un funzionario della asl di Sanluri mi ha detto che i terreni e le falde sono già inquinati e che le colture della zona sono pericolosissime (da non mangiare assolutamente…), ci rendiamo conto? l\’economia di Serrenti e Furtei è essenzialmente agro-pastorale, diciamo agli agricoltori di abbandonare i loro terreni? e ai pastori di tenere le pecore in stalla????? e poi vedendo dall\’alto la diga di santu Miali è lampante che è praticamente impossibile che non siano arrivati scoli velenosi in quel bacino che rifornisce d\’acqua le colture agricole e diversi comuni della zona….sembra che questa gente si stia avvelenando con l\’acqua che esce dai loro rubinetti o sbaglio?
    L\’acqua viene analizzata considerando il rischio di inquinamento che c\’è in quella zona???
    perchè gli abitanti dei paesi lì intorno non si sono sollevati in massa a chiedere l\’eliminazione di quello scempio???? ma chi aspettavano? i morti nelle proprie famiglie per muoversi? chissà quanti tumori sono già stati causati da quest\’orrore, senza parlare poi delle patologie psichiatriche che sono causate proprio dai metalli pesanti….
    Voi avete notizie sulle condizioni della diga? in attesa di informazioni, vi ringrazio e per qualunque cosa sono a disposizione!!!!

  2. 16 Marzo 2010 a 18:02 | #2

    Gent.ma Annachiara, abbiamo inoltrato un esposto a tutte le amministrazioni pubbliche competenti ed alla magistratura chiedendo che vengano messe in opera tutte le operazioni necessarie ad evitare un ulteriore pesante inquinamento ambientale. Abbiamo anche chiesto che la Regione autonoma della Sardegna chieda il risarcimento dei danni al gruppo minerario canadese che – tanto per cambiare – ha fatto le valigie lasciando i danni in Sardistàn. Trovi la notizia qui: http://gruppodinterventogiuridico.blog.tiscali.it/2009/09/05/ai_sardi_lo_scempio_ed_i_danni_agli_speculatori_internazionali_l_oro_ed_i_guadagni__2006273-shtml/

  3. Annachiara Lilliu
    15 Marzo 2010 a 18:27 | #3

    sarò felicissima di collaborare con voi.
    Intanto sarei interessata ad avere informazioni sulla situazione delle vasche di cianuro dell’ex miniera aurifera nel territorio di Furtei. E’ una vera bomba ad orologeria, c’è il rischio di una catastrofe ambientale, sembra che già questi veleni stiano filtrando nelle falde acquifere del terreno sottostante. Mi sembra che sia un problema da risolvere subito, considerato che poco più in basso si trova la diga di ‘santu miai’ che rifornisce acqua a buona parte dei paesi del campidano….cosa si sta facendo a riguardo?
    spero di avere presto notizie, mi sento molto preoccupata!

I commenti sono chiusi.