Archivio

Archivio 19 Maggio 2010

A che serve il piano per l’edilizia? Per il nuovo bungalow di Noemi!

Villa Certosa

Villa Certosa

 Mentre i singoli cittadini comuni non se lo filano per nulla, ecco quali sono gli utilizzatori finali del c.d. piano per l’edilizia (legge regionale n. 4/2009): il premier Silvio Berlusconi per la sua Villa Certosa, già teatro di abusi edilizi condonati a suo tempo denunciati dalle associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra e oggetto di un duro scontro finito anche davanti alla Corte costituzionale con la Procura della Repubblica di Tempio Pausania per l’apposizione del segreto di Stato. E poi il Tanka Village del Gruppo Ligresti, il Pulmann (già Timi Ama) del Gruppo Mazzella, il leader dei Riformatori Sardi Massimo Fantola. Le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra e oltre 150 cittadini hanno inoltrato ricorsi nel novembre 2009 al Governo e alla Commissione europea avverso l’incostituzionalità e la violazione delle normative comunitarie: silenzio da parte del Governo Berlusconi, ma avvìo degli opportuni accertamenti da parte della Commissione europeaProsegui la lettura…

Ecco le intercettazioni!

19 Maggio 2010 Commenti chiusi

Copia di intercett

             

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Ecco le autentiche intercettazioni, by Miquel

Condanne per la “macelleria messicana” di Genova.

Scuola "Diaz", Genova, 2001

Scuola "Diaz", Genova, 2001

 La Corte d’Appello di Genova ha ribaltato la la sentenza di primo grado del Tribunale ligure sui noti fatti della scuola Diaz.   Il processo di primo grado si era chiuso con 13 condanne, 16 assoluzioni, un robusto sconto determinato dall’indulto.    Ora il Giudice dell’appello ha inflitto numerose condanne ai vertici della Polizia di Stato implicati nell’irruzione della scuola Diaz.  Il prezzo per quella che il vice-questore aggiunto Michelangelo Fournier definì in sede processuale (udienza del 13 giugno 2007) una “macelleria messicana” è stato rialzato.   Dopo il “no” alla Commissione parlamentare d’inchiesta, nel luglio 2008 era stata emessa anche la  sentenza di primo grado relativa alle vicende accadute nella caserma di Bolzaneto, dove furono portati gli arrestati durante la riunione del G 8 di Genova (2001). Vari procedimenti giudiziari che non hanno ancora fatto chiarezza. Brutte pagine della nostra storia contemporanea che si spera servano almeno per il futuro.

Gruppo d’Intervento Giuridico

 A.N.S.A., 19 maggio 2010

G8, irruzione alla Diaz: condannati in appello i vertici di Polizia. Prosegui la lettura…