Archivio

Archivio 15 Giugno 2010

Pittulongu, un piano di risanamento da rivedere.

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico hanno inoltrato (15 giugno 2010) uno specifico atto di “osservazioni” alla variante del piano di risanamento urbanistico – P.R.U. di Pittulongu, adottata con deliberazione Consiglio comunale n. 20 del 16 aprile 2010, che costituisce variante contestuale del programma di fabbricazione – P. di F. di Olbia.

Sull’area le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra avevano richiesto (nota del 18 ottobre 2004) un riesame delle problematiche del P.R.U. Pittulongu, in particolare riguardo l’acquisizione all’edificazione delle zone umide presenti. Infatti, dalla cartografia I.G.M. foglio 182 IV N.O., edizione 5, 1962 emerge agevolmente la presenza dello Stagno di Pittulongu (foglio 33, mappali 28 e 30), alimentato da corsi d’acqua (Rio Moriscu, Rio Cuccaius, Rio Abba Ruia) e direttamente collegato con il mare, quindi appartenente al demanio marittimo (artt. 822 cod. civ. e 28 cod. nav.): Prosegui la lettura…

Ignoranza in alta quota, nel parco nazionale dei Monti Sibillini.

Lago di Pilato

Lago di Pilato

Ci è pervenuta una segnalazione da parte di un appassionato di fotografia naturalista riguardo un episodio tanto assurdo quanto potenzialmente dannoso: durante un’escursione al Lago di Pilato, sul Monte Vettore, nel cuore del parco nazionale dei Monti Sibillini, nel sito di importanza comunitaria “Monte Vettore e Valle del Lago di Pilato” (codice IT5340014) un buontempone non ha pensato di far di meglio che sguazzare nel laghetto glaciale senza preoccuparsi di un rarissimo endemismo, il Chirocefalo del Marchesoni, un piccolo crostaceo di colore rosso che misura 9-12 millimetri e nuota col ventre rivolto verso l’alto. 

Eppure l’accesso al lago è vietato, i segnali sono ben presenti: meno male che si trattava di una comitiva di pretesi naturalisti, sotto effetto però di un sortilegio molto più potente di quello delle streghe del lago, l’ignoranza.    primal Prosegui la lettura…