Archivio

Archivio Novembre 2010

Degrado rifiuti, incendi presso il campo nomadi di Cagliari. Il rischio intolleranza è vicino.

rifiuti incendiati, presso campo nomadi, S.S. n. 554, Cagliari

rifiuti incendiati, presso campo nomadi, S.S. n. 554, Cagliari

Il Comune di Cagliari – Servizio igiene del suolo ha comunicato (nota n. 247720 del 17 novembre 2010) che la Regione autonoma della Sardegna “ha concesso un finanziamento … destinato alla ristrutturazione e messa in sicurezza del campo sosta, mentre “in attesa dell’avvio dei lavori previsti dall’Ordinanza Sindacale n. 12/2010 del 08-02-2010, l’Ufficio scrivente, avendo già effettuato tre interventi negli ultimi due anni, effettuerà periodicamente la raccolta dei rifiuti che possono essere causa di incendio e di criticità igienico-sanitarie (materassi, televisori, ecc.) al fine di garantire il rispetto delle minime condizioni di transito nell’area.

Sembra di essere in qualche situazione di crisi internazionale o di emergenza catastrofi, invece si tratta dell’ordinaria, quotidiana, situazione che vivono migliaia di cagliaritani e di pendolari, residenti e lavoratori, nonché – in prima battuta – gli occupanti il campo nomadi di Cagliari, in Via Ticca, presso la S. S. n. 554. Prosegui la lettura…

1 milione e 400 mila “click” sul blog del Gruppo d’Intervento Giuridico, grazie!

edera e muschio

edera e muschio

Oggi 29 novembre 2010 sono stati superati 1 milione e 400 mila contatti a questo blog

3.418 articoli, 15.562 commenti, 1.064 iscritti alla newsletter sono alcuni numeri che descrivono questa piccola realtà dell’informazione verde.

Le attività del Gruppo d’Intervento Giuridico, degli Amici della Terra, della Lega per l’Abolizione della Caccia, di tanti comitati ed associazioni ecologiste e culturali, ma anche tante altre informazioni sull’ambiente e i diritti civili

Qualche parola per rispondere a una domanda che molti di voi continuano spesso a farci: “perché tante volte non troviamo nelle pagine dei giornali e nei servizi televisivi notizia di parecchie vostre iniziative?” Prosegui la lettura…

Un altro “incidente” di caccia in Sardegna. E siamo a sei.

Cialtronismo venatorio e legislativo.

Sesto incidente di caccia in Sardegna nella stagione venatoria 2010-2011.      Un cacciatore, Adriano Loi (41 anni, di Talana), è stato colpito da una scarica di pallini partita dal suo fucile nelle campagne ogliastrine fra Talana e Urzulei ed è stato successivamente ricoverato all’Ospedale di Lanusei.  

Il 21 novembre scorso un cacciatore di 45 anni, P.I. di Villacidro (VS), era rimasto ferito all’occhio e alla gamba sinistri durante una battuta di caccia al cinghiale nelle campagne del centro campidanese. Era stato ricoverato all’Ospedale S. Giovanni di Dio di Cagliari.       Dopo il cacciatore morto durante la prima giornata di caccia in Sardegna, il 19 settembre 2010 era giunto anche il primo ferito: un sessantasettenne di Zerfaliu (OR), colpito al volto con una rosa di pallini da un compagno di caccia, poi ricoverato all’Ospedale San Martino di Oristano in prognosi riservata.   Il 6 novembre, alla vigilia dell’apertura della caccia grossa, un nuovo ferito, leggero, Giovanni Solinas, quarantacinquenne allevatore di Bono, mentre provava il fucile nelle campagne di Esporlatu (SS).    Il giorno dopo, 7 novembre, un altro ferito: Paolo Fois, cacciatore quarantacinquenne di Bultei (NU), colpito al torace da una fucilata e trasportato in gravi condizioni all’Ospedale San Francesco di Nuoro. Prosegui la lettura…

Un anno del Gruppo d’Intervento Giuridico per difendere l’ambiente e la salute pubblica.

26 Novembre 2010 Commenti chiusi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

312 azioni legali e di sensibilizzazione per la difesa delle coste e delle zone umide, per una corretta gestione del ciclo dei rifiuti ed un utilizzo intelligente delle energie rinnovabili, contro l’inquinamento dell’aria, dell’acqua e del suolo, per la tutela degli altri animali, in favore dei parchi naturali, dei boschi e delle aree archeologiche, per la salvaguardia dei diritti civili.  In ben 273 casi (l’87,5%) c’è stato un riscontro da parte delle amministrazioni pubbliche competenti e, quando richiesta, da parte della magistratura. Prosegui la lettura…

Meno Sardegna bruciata nel 2010.

incendio Torre delle Stelle, Maracalagonis-Sinnai

incendio Torre delle Stelle, Maracalagonis-Sinnai

Buoni risultati della campagna antincendio 2010: diminuisce la superficie territoriale (11.712 ettari) e quella boscata, in particolare (2.198 ettari), percorsa dal fuoco. Le condizioni climatiche sono state favorevoli, ma, forse, siamo sulla buona strada.

Gruppo d’Intervento Giuridico

 

dal sito web istituzionale del Corpo forestale e di vigilanza ambientale, 25 novembre 2010.

Il bilancio della stagione antincendi 2010. Prosegui la lettura…

I ripetitori a due passi dalle case e a due passi dal mare, a La Caletta, Siniscola.

Siniscola, La Caletta

Siniscola, La Caletta

Le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra, in seguito a numerose segnalazioni di cittadini preoccupati, hanno inoltrato una specifica richiesta di informazioni a carattere ambientale e di adozione degli opportuni interventi alle pubbliche amministrazioni competenti (tra le quali l’A.R.P.A.S., il Sindaco di Siniscola, l’Assessore all’ambiente della provincia di Nuoro)  relativamente alla installazione di due stazioni Radio Base per la telefonia mobile, presso La Caletta, in Comune di Siniscola. L’installazione sembra essere stata autorizzata sotto il profilo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.) dal Comune di Siniscola. Prosegui la lettura…

Centinaia di studenti e cagliaritani per difendere un pezzo di verde pubblico e di storia!

giardino della Croce di S. Avendrace, manifestazione

giardino della Croce di S. Avendrace, manifestazione

Oggi sui quotidiani regionali, su carta stampata e on line, non troviamo che poche righe su L’Unione Sarda  e completamente fuorvianti – com’era ovvio attendersi dal giornale di proprietà di Sergio Zuncheddu, il titolare dell’Immobiliareuropea s.p.a., società che sta costruendo il complesso immobiliare “I Fenicotteri”, beneficiario dell’opera stradale – sulla bella manifestazione popolare tenutasi ieri mattina a Cagliari, nel giardino della Croce daziaria di S. Avendrace (all’incrocio fra Viale Trento, Viale Trieste e Viale S. Avendrace, davanti al Liceo-Ginnasio “Siotto”).  Oltre 300 fra studenti e docenti della prospiciente scuola superiore, residenti e operatori economici del quartiere, ecologisti, semplici cittadini cagliaritani hanno raccolto la proposta del Comitato popolare Sa Cruxi Santa di S. Avendrace alla quale avevano subito aderito le associazioni ecologiste Amici della Terra, Cagliari Social Forum, Gruppo d’Intervento Giuridico, Italia Nostra. Prosegui la lettura…

Un porticciolo abusivo nel Golfo di Cugnana?

 

Golfo di Cugnana, approdo

Golfo di Cugnana, approdo

 

Le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra, su segnalazione di vari residenti, hanno inoltrato (24 novembre 2010) una specifica richiesta di informazioni a carattere ambientale e adozione delle opportune integrazioni al Ministro per i beni e le attività culturali, all’ Assessore regionale dell’urbanistica, al Soprintendente per i beni architettonici e paesaggistici di Sassari, al Direttore del Servizio regionale tutela paesaggistica di Olbia, al Corpo forestale e di vigilanza ambientale, al Direttore regionale del Servizio S.A.V.I., al Comandante della capitaneria di Porto di Olbia, al Sindaco di Olbia riguardo la realizzazione di almeno n. 81 corpi morti in cemento, pontili, strada di accesso, ecc. in loc. Cugnana da parte della Sardegna Navigando s.r.l.   

E’ stata interessata anche la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Tempio Pausania per gli aspetti di competenza. Prosegui la lettura…

Soppressione di “altri animali” abbandonati a Quartu S. Elena?

24 Novembre 2010 Commenti chiusi

Queste foto sono state scattate in località Foxi nel litorale quartese in via Lampedusa n. 32, il 22 novembre scorso. Come si può leggere, l’avviso è agghiacciante. Nel dubbio tra una reale commissione di reato di uccisione di animali e una deplorevole minaccia del proprietario, stanco di essere il destinatario di animali abbandonati, ieri è stata inoltrata specifica segnalazione alla funzionaria dell’Assessorato all’Ambiente del Comune di Quartu Sant’Elena Debora Arnoldi per gli opportuni accertamenti. Prosegui la lettura…

Non toccate il 5 per mille!

PINO E MARELe associazioni di volontariato possono portare avanti piccole e grandi battaglie a favore della collettività soltanto grazie ad un grande impegno quotidiano, al sostegno dei propri soci e di tutte le persone che volontariamente decidono di devolvere loro la propria quota dell’imposta sui redditi. Con il taglio dei fondi del 5 per mille, previsti dall’attuale legge per la stabilità, molte battaglie potrebbero essere perse in partenza, per carenza di mezzi e persone. Prosegui la lettura…

Assemblea popolare per salvare un pezzo di verde pubblico e di storia di Cagliari!

Croce di S. Avendrace

Croce di S. Avendrace

Mercoledi 24 novembre 2010, con inizio alle ore 12.30, a Cagliari, nel giardino della Croce daziaria di S. Avendrace (all’incrocio fra Viale Trento, Viale Trieste e Viale S. Avendrace, davanti al Liceo-Ginnasio “Siotto”), si svolgerà un’assemblea pubblica contro il progetto di rotatoria del Comune di Cagliari fra Via S. Gilla, Viale Trieste, Viale Trento e Viale S. Avendrace che porterebbe via un bel pezzo di verde pubblico e di storia cittadina nel giardinetto con nove alberi ad alto fusto all’incrocio fra il Viale Trento e il Viale Trieste, di fronte al Liceo-Ginnasio “Siotto”.    

La manifestazione è promossa dal Comitato popolare Sa Cruxi Santa di S. Avendrace e aderiscono le associazioni ecologiste Amici della Terra, Cagliari Social Forum, Gruppo d’Intervento Giuridico, Italia Nostra. Prosegui la lettura…

A giudizio il traffico illecito di rifiuti industriali di Portoscuso.

industrie, Portovesme

industrie, Portovesme

Nella zona di Portoscuso e del basso Sulcis c’è un pesante inquinamento di origine industriale: è cosa ben nota da tempo.     Nei mesi scorsi è emerso anche quanto si sospettava da anni: un traffico di rifiuti altamente pericolosi prodotti dagli impianti della Portovesme s.r.l. smaltiti illecitamente in cave del Cagliaritano e, addirittura, nella realizzazione di riempimenti stradali e piazzali degli ospedali.   Prosegui la lettura…

Lasciate in pace gli Orsi!

Video importato

YouTube Video

Eccezionale e demenziale inseguimento con video di una povera orsa con i suoi tre cuccioli in Abruzzo. E anche più demenziale il servizio televisivo sul TG1. Sull’Appennino centrale sopravvive un nucleo di Orso bruno marsicano (Ursus arctos marsicanus), estremamente minacciato.    L’orso – al pari degli altri animali selvatici – chiede solo di esser lasciato in pace.  Noi, per principio, quando riceviamo segnalazioni di avvistamenti di altri animali a rischio di estinzione non divulghiamo luoghi e modalità.

Gruppo d’Intervento Giuridico Prosegui la lettura…

Categorie:Primo piano Tag: , ,

Storie di ordinario bracconaggio.

22 Novembre 2010 Commenti chiusi
Gru cenerina uccisa da bracconieri

Gru cenerina uccisa da bracconieri

 

 

 

 

 

Le guardie ecologiche del WWF e i Carabinieri hanno ritrovato, durante operazioni di controllo in provincia di Salerno, una Gru cenerina (Grus grus) e una Nitticora (Nycticorax nycticorax) uccise dai bracconieri.  Naturalmente si tratta di specie di avifauna protetta (direttiva n. 79/409/CEE e legge n. 157/1992 e s.m.i.).

Lega per l’Abolizione della Caccia, Amici della Terra, Gruppo d’Intervento Giuridico Prosegui la lettura…

Nuovo “incidente” di caccia in Sardegna. E siamo a cinque.

Un cacciatore di 45 anni, P.I. di Villacidro (VS), è rimasto ferito all’occhio e alla gamba sinistri durante una battuta di caccia al cinghiale nelle campagne del centro campidanese. E’ stato ricoverato all’Ospedale S. Giovanni di Dio di Cagliari.

Dopo il cacciatore morto durante la prima giornata di caccia in Sardegna, il 19 settembre 2010 era giunto anche il primo ferito: un sessantasettenne di Zerfaliu (OR), colpito al volto con una rosa di pallini da un compagno di caccia, poi ricoverato all’Ospedale San Martino di Oristano in prognosi riservata.   Il 6 novembre, alla vigilia dell’apertura della caccia grossa, un nuovo ferito, leggero, Giovanni Solinas, quarantacinquenne allevatore di Bono, mentre provava il fucile nelle campagne di Esporlatu (SS).    Il giorno dopo, 7 novembre, un altro ferito: Paolo Fois, cacciatore quarantacinquenne di Bultei (NU), colpito al torace da una fucilata e trasportato in gravi condizioni all’Ospedale San Francesco di Nuoro. Prosegui la lettura…

S.O.S. Laveria di Nebida!

Laveria La Marmora, Nebida

Laveria La Marmora, Nebida

Le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra, appreso del crollo riscontrato ieri mattina di alcune parti della Laveria La Marmora a Nebida (Iglesias), hanno immediatamente interessato (21 novembre 2010) il Ministero per i beni e le attività culturali, la Presidenza della Regione autonoma della Sardegna, la Direzione generale per i beni culturali e paesaggistici per la Sardegna, la Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici di Cagliari, il Comune di Iglesias e il Consorzio di gestione del Parco geo-minerario affinché dispongano provvedimenti rapidi ed efficaci per la salvaguardia di uno dei gioielli dell’archeologia mineraria europea. Prosegui la lettura…

Vagoni e veicoli abbandonati nella Stazione ferroviaria di Tempio Pausania.

materiale rotabile in disuso, Stazione ferroviaria Tempio Pausania

materiale rotabile in disuso, Stazione ferroviaria Tempio Pausania

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico hanno inoltrato una richiesta di informazioni a carattere ambientale ed adozione eventuali opportuni provvedimenti (19 novembre 2010) all’A.R.P.A.S., al Comune di Tempio Pausania, all’Assessorato provinciale alla tutela dell’ambiente, ai Carabinieri del N.O.E. e al Corpo forestale e di vigilanza ambientale riguardo la segnalazione pervenuta da parte di diversi preoccupati cittadini in merito alla presenza di svariato materiale rotabile (vagoni) e veicoli in disuso all’interno della Stazione Ferroviaria di Tempio Pausania.  Nella medesima area nella stessa area è stata documentata anche la presenza di rifiuti di vario genere e natura. Prosegui la lettura…

Un depuratore così così e cumuli di rifiuti presso lo Stagno di Chia.

Stagno di Chia

Stagno di Chia

Le associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico hanno inoltrato una richiesta di informazioni a carattere ambientale ed adozione eventuali opportuni provvedimenti (18 novembre 2010) all’A.R.P.A.S., al Comune di Domus de Maria, all’Assessorato provinciale alla tutela dell’ambiente, ai Carabinieri del N.O.E. e al Corpo forestale e di vigilanza ambientale riguardo la segnalazione pervenuta da parte di diversi preoccupati cittadini in merito agli scarichi provenienti dall’impianto di depurazione presumibilmente di pertinenza dell’Hotel Chia Laguna che si riversano, attraverso un piccolo corso d’acqua, nello Stagno di Chia.  Nella medesima area nella stessa area è stata documentata anche la presenza di rifiuti di vario genere e natura. Prosegui la lettura…

Ristrutturazione e ampliamento dell’Hotel Villa Rey (Castiadas) a giudizio.

ex Hotel Villa Rey, fronte spiaggia

ex Hotel Villa Rey, fronte spiaggia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il G.U.P. del Tribunale di Cagliari ha accolto ieri le richieste del pubblico ministero Andrea Massidda e ha rinviato a giudizio (udienza prevista il 21 marzo 2011) per i lavori di ristrutturazione e ampliamento del complesso turistico-edilizio “Villa Rey”, sul litorale di Castiadas (CA), il Soprintendente per i beni architettonici e paesaggistici di Cagliari Gabriele Tola, il dirigente del Servizio comunale urbanistica Giuseppe Floris, il presidente del Consiglio di amministrazione e legale rappresentante della società committente Le Palme s.r.l. Stefano Gagliardi, il direttore dei lavori Luigi Giglio, il procuratore dell’impresa esecutrice Cepram s.r.l. Innocenzo Zaccheddu. Prosegui la lettura…

Cagliaritani, pronti a “infognarvi” nel traffico?

Cagliaritani, pedonalizzatevi e preparatevi ad infognarvi nel traffico!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Comune di Cagliari sta per consegnare i lavori, secondo ripetuti annunci, per il cantiere per il parcheggio interrato in Via Roma.     Cagliaritani e pendolari, turisti e malcapitati, siete pronti a infognarvi nel traffico? Prosegui la lettura…

Gestione dei rifiuti a Cagliari: costi alti e servizio scadente.

cumuli di rifiuti, campo nomadi, S.S. n. 554, Cagliari

cumuli di rifiuti, campo nomadi, S.S. n. 554, Cagliari

Uno dei campi in cui eccelle la pretesa capitale del Mediterraneo è certamente quello della gestione dei rifiuti: secondo Unioncamere (Osservatorio Prezzi e Mercati, indagine sul biennio 2008-2009), Cagliari – fra 50 capoluoghi di provincia – è la città dove si spende di più per la tassa rifiuti (330,40 euro annui per famiglia-tipo di tre persone).  E, paradossalmente, è una fra quelle dove si fa meno raccolta differenziata, solo il 17,8%, secondo i più recenti dati ufficiali (X Rapporto annuale sulla gestione dei rifiuti urbani, A.R.P.A.S., dicembre 2009), mentre nel 2010 sarebbe attestata su una media attuale del 27%, rispetto alla media regionale del 34,71% (X Rapporto annuale sulla gestione dei rifiuti urbani, A.R.P.A.S., dicembre 2009). Prosegui la lettura…

Il Parco Urbano di Rocca d’Evandro non si tocca!

 

il demanio civico del Bosco Vandra

il demanio civico del Bosco Vandra

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico ha inoltrato una richiesta di informazioni a carattere ambientale e adozione di opportuni provvedimenti relativamente alla revisione della perimetrazione del Parco Urbano di interesse Regionale del Comune di Rocca d’Evandro (CE), disposta dal Consiglio Comunale di Rocca d’Evandro con la deliberazione del 25 giugno 2010, n. 12.

Sono stati interessati il Commissario per gli usi civici della Campania e del Molise, l’Assessorato all’Urbanistica, Politica del Territorio, Tutela Beni Paesistico-Ambientali e Culturali della Regione Campania,  l’Autorità di Bacino dei fiumi Liri, Garigliano, Volturno, la Provincia di Caserta e il Comune di Rocca d’Evandro. Prosegui la lettura…

Il “gelicidio” sull’Appennino umbro-marchigiano.

15 Novembre 2010 Commenti chiusi

Foto0124

Un fenomeno non molto comune s’è verificato la notte del 5 gennaio 2010 sull’Appennino umbro-marchigiano, il gelicidio.  Ce ne parla Marco Bani, biologo umbro.  Si ringrazia Stefano Luchetti per la segnalazione e le foto.

Gruppo d’Intervento Giuridico

La sera della vigilia dell’Epifania si è verificato presso La Cima e in altre località alla stessa quota un fenomeno raro e inquietante. Prosegui la lettura…

Cemento a Malfatano: interrogato dalla Procura della Repubblica il Soprintendente archeologico.

cantiere S.I.T.A.S. s.p.a., Tuerredda

cantiere S.I.T.A.S. s.p.a., Tuerredda

Proseguono le indagini della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari, dopo i numerosi esposti delle associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico, riguardo i lavori edilizi in corso a Malfatano e Tuerredda da parte della S.I.T.A.S. s.p.a. Il pubblico ministero Daniele Caria ha interrogato il Soprintendente per i beni archeologici Marco Minoja.  Si attendono sviluppi.

Sarà difficile, comunque, che da questa (e altre) speculazioni immobiliari arrivino quei 2.500 posti di lavoro a Teulada di cui parlava l’ex sindaco Tore Mocci qualche anno fa. Prosegui la lettura…

L’on. Mauro Pili straparla su Tuvixeddu.

area archeologica di Tuvixeddu

area archeologica di Tuvixeddu

Leggiamo sulla Stampa regionale le incredibili dichiarazioni dell’ on. Mauro Pili (P.d.L.) in merito ai vincoli storico-culturali di tutela del Colle di Tuvixeddu (Cagliari), in particolare in favore di progetti di viabilità d’interesse fortemente privatistico (il cui punto d’arrivo è, casualmente, la contestata rotonda di Via S. Gilla) e di aperta denigrazione delle posizioni delle associazioni ecologiste e culturali che hanno sempre richiesto la salvaguardia della più importante area sepolcrale punico-romana-medievale del Mediterraneo.

Tace invece su altro. Prosegui la lettura…

Ma è regolare la cava di Monte Alvaro?

Monte Alvaro, area con vegetazione

Monte Alvaro, area con vegetazione

Le associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico hanno inoltrato una richiesta di informazioni a carattere ambientale ed adozione eventuali opportuni provvedimenti (12 novembre 2010) alle pubbliche amministrazioni statali, regionali e locali, nonché alla Commissione Europea ed informandone, per gli opportuni accertamenti, la competente Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sassari riguardo un’attività di cava di calcare di notevoli dimensioni (oltre 81 ettari) in corso da anni in loc. Monte Alvaro, nel Comune di Porto Torres (SS), in prosecuzione di analoga attività esistente nel territorio comunale di Sassari.       Già nel marzo 2005 le associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico avevano interessato le pubbliche amministrazioni competenti.  Prosegui la lettura…

La Snam va al “sacco” dell’Appennino!

PA270032

L’Italia, senza dubbio, è un Paese dove si fa di tutto per agevolare le cosiddette catastrofi naturali.

Quasi tutte sono in realtà catastrofi innaturali, spesso annunciate. Si candida a esser una di queste il progetto Snam del gasdotto appenninico. Spezzettato in cinque tronconi, pur essendo un unico progetto funzionale, non è stato sottoposto a un unico procedimento di valutazione di impatto ambientale – V.I.A., né alla procedura di valutazione ambientale strategica – V.A.S. Prosegui la lettura…

Una rotatoria privata, la storia di Cagliari e gli alberi con i pattini a rotelle.

Croce di S. Avendrace

Croce di S. Avendrace

Ieri pomeriggio, negli uffici dell’Assessorato alla viabilità del Comune di Cagliari, si è tenuta una riunione di presentazione del progetto per la realizzazione della rotatoria stradale fra Viale Trieste, Via S. Gilla, Viale Trento e Viale S. Avendrace.  Vi hanno preso parte l’Assessore comunale alla viabilità Maurizio Onorato, il dirigente del Servizio urbanizzazioni e mobilità Sergio Murgia, il capo-gruppo consiliare dei Riformatori Sardi Giorgio Angius (non si sa bene a che titolo) e i rappresentanti delle associazioni ecologiste Città Ciclabile, Italia Nostra e Gruppo d’Intervento Giuridico.   Era stata invitata anche Legambiente, ma non è intervenuto alcun rappresentante. Prosegui la lettura…

Monumento al turismo made in Sardinia.

CARLOFORTE LA CALETTA

 

 Il “turismo made in Sardinia” è una filosofia che, nel mondo, pochi oserebbero invidiare: infatti, riesce ad eliminare lentamente la primaria fonte di attrazione turistica, coprendola di cemento, per ottenere vantaggi minimi per la popolazione locale. Insomma, noi sardi non siamo dei grandi economisti, con il massimo sforzo (ossia con la distruzione dei beni paesaggistici e culturali) riusciamo ad ottenere il minimo risultato (la Sardegna continua ad essere una delle regioni italiane con il più alto tasso di disoccupazione e le occupazioni legate al turismo sono, essenzialmente, stagionali). E, cosa veramente singolare, nonostante le pezze ai pantaloni, continuiamo a pensare che il “turismo made in Sardinia” devastatore di ambiente e dignità, sia un prodotto valido anche per il futuro. Prosegui la lettura…

Il Fiume Secchia a rischio: proposta una nuova cava.

Video importato

YouTube Video

Riceviamo e pubblichiamo molto volentieri.  Nella provincia reggiana l’ennesima cava nell’alveo del Fiume Secchia, entro il sito di importanza comunitaria dei Gessi Triassici, vicino al parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano, costituisce un aggravamento del rischio ambientale e idrogeologico.    Sarebbe proprio da evitare.

Gruppo d’Intervento Giuridico

 Ancora brutte notizie per il fiume Secchia: proposta una nuova cava in uno dei siti di più alto valore di tutto il tracciato.

Il Comune di Villa Minozzo ha proposto una nuova cava sul fiume Secchia in località Mulino del Porcile, su un’area ricadente nel SIC (sito di importanza comunitaria) Gessi Triassici. Prosegui la lettura…