Home > Primo piano > Assemblea popolare per salvare un pezzo di verde pubblico e di storia di Cagliari!

Assemblea popolare per salvare un pezzo di verde pubblico e di storia di Cagliari!

Croce di S. Avendrace

Croce di S. Avendrace

Mercoledi 24 novembre 2010, con inizio alle ore 12.30, a Cagliari, nel giardino della Croce daziaria di S. Avendrace (all’incrocio fra Viale Trento, Viale Trieste e Viale S. Avendrace, davanti al Liceo-Ginnasio “Siotto”), si svolgerà un’assemblea pubblica contro il progetto di rotatoria del Comune di Cagliari fra Via S. Gilla, Viale Trieste, Viale Trento e Viale S. Avendrace che porterebbe via un bel pezzo di verde pubblico e di storia cittadina nel giardinetto con nove alberi ad alto fusto all’incrocio fra il Viale Trento e il Viale Trieste, di fronte al Liceo-Ginnasio “Siotto”.    

La manifestazione è promossa dal Comitato popolare Sa Cruxi Santa di S. Avendrace e aderiscono le associazioni ecologiste Amici della Terra, Cagliari Social Forum, Gruppo d’Intervento Giuridico, Italia Nostra.

Secondo il progetto, sarebbero sottratti circa 200 metri quadrati di verde pubblicodue alberi (oggi radicalmente potati) verrebbero spostati di qualche metro, mentre, a fronte di tale sacrificio, verrebbe realizzata una grande aiuola all’inizio del Viale S. Avendrace di circa 800 metri quadrati di verde.    Vi sarebbero, quindi, in linea teorica, 600 metri quadrati di verde pubblico in più.  Tuttavia l’aumento del verde pubblico sarebbe soltanto virtuale, perché l’aiuola che verrebbe realizzata nel mezzo del Viale S. Avendrace difficilmente sarebbe fruibile da bambini e anziani in quanto nel bel mezzo del traffico. 

Ricordiamo che il giardinetto con nove alberi ad alto fusto è una piccola oasi di quel verde pubblico del quale il Comune di Cagliari mèna continuamente vanto, ma è anche il contesto di un pezzo di storia cittadina, la Croce di S. Avendrace, bene storico-culturale, che dal medioevo segna il limite della cinta daziaria.

cartello inizio lavori

Il cartello “inizio lavori” posizionato lo scorso 28 ottobre era molto chiaro: il Comune di Cagliari, con autorizzazione n. 223424 del 19 ottobre 2010, permette all’Immobiliareuropea s.p.a. (general contractor la Cantieri Commerciali s.r.l.) la realizzazione della “sistemazione della circolazione fra le Vie S. Gilla, Viale Trieste e Viale S. Avendrace” (importo dei lavori: 141.000,00 euro).  I lavori, in base all’ordinanza comunale n. 1050/VIAB del 19 ottobre 2010, sarebbero dovuti iniziare lo scorso 2 novembre (data adeguata all’evento), ma sono stati sospesi dietro intervento della Soprintendenza per i beni architettonici e il paesaggio di Cagliari (ordinanza n. 15988 del 29 ottobre 2010).

In proposito, le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra hanno inoltrato (29 ottobre 2010) un esposto alle Soprintendenze per i beni architettonici e paesaggistici e per i beni archeologici per verificare il rispetto del bene storico-culturale, informandone nel contempo la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari.

Inoltre, il Comitato popolare Sa Cruxi Santa di S. Avendrace ha promosso una petizione alle Soprintendenze competenti e al Comune di Cagliari per tutelare l’area di verde pubblico, raccogliendo ormai oltre 1.300 adesioni di cittadini.

Appuntamento domani mattina, alla Croce di S. Avendrace!

Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra

(elaborazione documento GrIG; foto Radio Press, S.D., archivio GrIG)

  1. 24 Novembre 2010 a 23:57 | #2

    oltre 300 partecipanti, tanti studenti, professori liceali, residenti del quartiere, ecologisti, cartelli e discorsi molto chiari. “No alla rotatoria, no agli interessi privati che prevaricano quelli pubblici!” e “il verde è di tutti noi!” Una bella mattina, un bel raggio di sole per Cagliari :)

  2. 24 Novembre 2010 a 17:16 | #3

    da La Nuova Sardegna, 24 novembre 2010
    Rotatoria a Sa Cruxi, stamane assemblea di residenti e studenti.

    CAGLIARI. Si terrà questa mattina a mezzogiorno e mezza a “Sa cruxi”, ex piazza Trento, una assemblea popolare promosso dal Comitato Popolare Sa cruxi, e a cui hanno aderito gli Amici della Terra, il Gruppo di intervento giuridico, Italia Nostra e il Cagliari Social Forum. Argomento dell’iniziativa, che è aperta anche agli studenti del Siotto, la rotatoria che il Comune vorebbe realizzare a cavallo tra le vie Santa Gilla, San Paolo e Santa Avendrace. «Per realizzare quest’opera è previsto che vengano tolti dalla piazza alcuni alberi secolari. Noi vorremmo salvare gli alberi, in pratica l’unico polmone verde fruibile del quartiere, e un pezzo della nostra memoria. Una volta che verrà realizzata la rotatoria il Comune varierà i sensi di marcia – riporta il volantino dei promotori – diminuirà il numero dei parcheggi e modificherà l’assetto viario, sino a rendere Sant’Avendrace un ghetto al servizio del nuovo quartiere che sta nascendo in via Santa Gilla».
    Nei giorni scorsi il Comune aveva potato alcuni degli alberi della piazzetta, prefigurando già la loro eradicazione.

I commenti sono chiusi.