Home > Primo piano > Ricorso avverso il P.U.C. di Palau senza preventiva V.A.S

Ricorso avverso il P.U.C. di Palau senza preventiva V.A.S

Copia di avvisi_PUC_Dorgali_e_Palau,_2010

 

 

Le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra hanno inoltrato (19 gennaio 2011) specifico ricorso alla Commissione europea, al Direttore generale delle valutazioni ambientali del Ministero dell’ambiente, al Direttore generale regionale della pianificazione urbanistico territoriale, al Direttore del Settore regionale sostenibilità ambientale e valutazione impatti e al Direttore del Settore ambiente e sostenibilità della Provincia di Olbia – Tempio avverso l’avvenuta adozione del piano urbanistico comunale – P.U.C. di Palau un assenza di preventiva procedura di valutazione ambientale strategica – V.A.S.

Infatti, il P.U.C. di Palau è stato adottato con deliberazione Consiglio comunale n. 37 del 22 dicembre 2010, ma solo con la nota n. 22350 del 20 dicembre 2010 il Sindaco di Palau comunicava al Responsabile Affari generali e al Messo del Comune l’“Avvio della procedura di Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.) contenente la prima sintetica definizione degli obiettivi del Piano Urbanistico Comunale (P.U.C.) in adeguamento al P.P.R. ed al P.A.I.”.    

Gallura, costa

Gallura, costa

Pertanto, appare intuitivo che prima dell’adozione del P.U.C. non è stata svolta e conclusa alcuna procedura di valutazione ambientale strategica – V.A.S.  

La valutazione ambientale strategica – V.A.S., prevista dalla direttiva n. 2001/42/CE, interessa piani e programmi aventi effetti sensibili diretti ed indiretti sull’ambiente e le varie componenti ambientali e recentemente la Regione autonoma della Sardegna si è dotata di linee guida in materia di V.A.S. relativa ai P.U.C.

La conclusione del procedimento di V.A.S. è precedente e vincolante all’approvazione definitiva ed all’efficacia dei piani e programmi ad essa assoggettati. Infatti, “la valutazione ambientale strategica e’ avviata dall’autorita’ procedente contestualmente al processo di formazione del piano o programma” (art. 11, comma 1°, del decreto legislativo n. 152/2006 e s.m.i.).  E ancora, “La fase di valutazione e’ effettuata durante la fase preparatoria del piano o del programma ed anteriormente alla sua approvazione o all’avvio della relativa procedura legislativa. Essa e’ preordinata a garantire che gli impatti significativi sull’ambiente derivanti dall’attuazione di detti piani e programmi siano presi in considerazione durante la loro elaborazione e prima della loro approvazione”.

Fondamentale è la fase della consultazione del pubblico con le specifiche modalità previste dalla legge.

Ginepro

Ginepro

Inoltre, la VAS costituisce per i piani e programmi a cui si applicano le disposizioni del presente decreto, parte integrante del procedimento di adozione ed approvazione. I provvedimenti amministrativi di approvazione adottati senza la previa valutazione ambientale strategica, ove prescritta, sono annullabili per violazione di legge.

Le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra hanno chiesto l’annullamento dell’adozione del P.U.C. di Palau e lo svolgimento di corrette procedure di legge.

Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra

 

(foto)

  1. 14 Aprile 2011 a 21:44 | #1

    con nota n. 6031 del 18 marzo 2011 il Servizio S.A.V.I. dell’Assessorato regionale della difesa dell’ambiente ha chiesto al Comune di Palau e all’Assessorato della tutela dell’ambiente della Provincia di Olbia-Tempio di fornire “ogni chiarimento utile” in merito all’espletamento della procedura di V.A.S. prima dell’adozione del P.U.C.

  2. 2 Aprile 2011 a 21:38 | #2

    da La Nuova Sardegna, 2 aprile 2011
    Scontro Comune-Provincia sul Puc. Iodice: «Manca la richiesta di Vas». Il sindaco Cuccu: «Tutto in regola». L’ente di via Nanni prepara una lettera all’amministrazione.

    PALAU. Il puc finisce sotto la lente di ingrandimento della Provincia. L’ente di via Nanni solleva dubbi sulla legittimità del piano urbanistico. Sotto accusa l’iter per ottenere la vas, la valutazione strategica ambientale. Per l’assessorato alla Programmazione provinciale, da mesi al lavoro per armonizzare i 26 puc della Gallura e plasmare il piano urbanistico provinciale, il puc di Palau, adottato dal consiglio comunale a dicembre senza la Vas, non è in regola.
    La Provincia si allinea alle posizioni dell’opposizione consiliare. La minoranza di centro-destra guidata dal capogruppo Sandro Colombo aveva sollevato dubbi sulla legittimità del puc il giorno stesso dell’adozione in consiglio. La minoranza “Insieme per Palau”, aveva ricordato che, prima di portare in aula il piano urbanistico comunale e approvarlo, la legge impone la valutazione strategica ambientale. In pratica una benedizione della Regione e della Provincia su come si intende distribuire i metri cubi. Una tesi condivisa anche dalle associazioni ambientaliste “Amici della terra” e “Gruppo giuridico” che hanno presentato un ricorso alla Commissione europea, al ministero dell’Ambiente, alla Regione e alla Provincia per chiedere l’annullamento del piano urbanistico comunale. Ora anche l’ente di via Nanni solleva dei dubbi. «Il comune di Palau non ha presentato la richiesta di Vas prima dell’adozione del puc – dichiara l’assessore provinciale alla Programmazione, Uccio Iodice -. Cosa che sta facendo invece Arzachena che ha avviato l’iter di Vas parallelamemte alla stesura del puc. Mi dispiace molto, ma non possiamo fare sconti a nessuno». Nei prossimi giorni dall’ente di via Nanni partirà una lettera ufficiale al comune di Palau per segnalare il problema.
    Difende invece le scelte portate avanti dall’amministrazione il sindaco Piero Cuccu (foto). «Abbiamo avviato la procedura di Vas sentendo la Regione e la Provincia – spiega il primo cittadino – e abbiamo avuto con i tecnici di entrambi gli enti diversi incontri. Abbiamo più volte precisato che la conclusione dell’iter di Vas è precedente e vincolante all’approvazione definitiva del puc. Infatti questo comune ha adottato il piano urbanistico a dicembre, ma non lo ha approvato definitivamente. Una volta che avremo ottenuto la Vas ci saranno 30 giorni per le osservazioni. È poi importante ricordare che nella definizione delle linee di sviluppo del puc abbiamo tenuto conto in modo assoluta del piano paesaggistico regionale e in particolare della inedificabilità entro i 300 metri dal mare».

  3. 22 Gennaio 2011 a 19:56 | #3

    da La Nuova Sardegna, 22 gennaio 2011
    «Il Puc approvato regolarmente». Il sindaco Cuccu risponde alle critiche degli ambientalisti. (Serena Lullia)

    PALAU. Accoglie con sorpresa il ricorso contro il puc presentato dalle associazioni ambientaliste “Gruppo di intervento giuridico” e “Amici della terra”. Il sindaco Piero Cuccu risponde alla contestazione dei gruppi verdi, secondo cui il piano urbanistico comunale non sarebbe in regola perché la valutazione strategica ambientale è stata richiesta dopo l’approvazione in aula. «Abbiamo precisato più volte in Consiglio che la conclusione del procedimento di Vas è precedente e vincolante l’approvazione definitiva del Puc – spiega il primo cittadino -. E infatti questo comune ha adottato il Puc, ma non ha approvato definitivamente il piano. Ha quindi indicato in maniera chiara le aspettative di sviluppo e le risposte, concentrate principalmente nell’edilizia sociale, ossia case per la prima abitazione; nelle attività produttive, l’ampliamento dell’area artigianale; nello sviluppo di una portualità sostenibile, nell’incremento alberghiero, nelle regole certe nell’agro e in una migliore qualità della vivibilità cittadina. Queste linee di sviluppo hanno tenuto conto in maniera assoluta del piano paesaggistico regionale e in particolare della inedificabilità entro i trecento metri dal mare e dei tematismi ambientali contenuti in 25 carte di sintesi». Cuccu concorda sul valore della Vas. «Siamo consapevoli dell’importanza fondamentale della Vas e auspichiamo gli incontri con le associazioni sui contenuti e i temi ambientali del piano, per arrivare all’approvazione della Vas e successivamente all’approvazione definitiva del piano urbanistico». (se.lu.)

  4. 20 Gennaio 2011 a 15:17 | #4

    da La Nuova Sardegna, 20 gennaio 2011
    Gli ambientalisti bocciano il Puc. Palau, era stato approvato alla vigilia di Natale. (Serena Lullia)

    PALAU. Associazioni ecologiste contro il puc fresco di approvazione. Il “Gruppo di intervento giuridico” e “Amici della Terra” hanno presentato ricorso alla Commissione europea, al ministero dell’Ambiente, alla Regione e alla Provincia. Chiedono che il piano urbanistico, presentato in consiglio comunale qualche giorno prima di Natale dello scorso anno e messo a punto dalla giunta di Piero Cuccu dopo un iter durato 13 anni venga annullato. Per i gruppi verdi il puc va bloccato perchè la Vas, ossia la valutazione ambientale strategica, è stata chiesta dall’ente locale solo qualche giorno prima dell’approvazione in aula del documento di programmazione urbanistica. Una obiezione che era stata sollevata in aula anche dal gruppo di minoranza guidato dal capogruppo Sandro Colombo. «La conclusione del procedimento di Vas è precedente e vincolante l’approvazione definitiva e l’efficacia dei piani e dei programmi a essa assoggettati – spiegano le associazioni ecologiste nel ricorso -. I provevdimenti amministativi che sono stati adottati senza la previa valutazione ambientale strategica, nel caso in cui sia prescritta, sono annullabili per violazioni di legge. Ecco perchè chiediamo l’annullamento del puc di Palau». (se.lu.)

I commenti sono chiusi.