Home > Primo piano > Un anno di sangue è finito, chiude la stagione venatoria.

Un anno di sangue è finito, chiude la stagione venatoria.

pubblicità Federcaccia

pubblicità Federcaccia


Il 31 gennaio 2011 è terminata la stagione di caccia 2010-2011 in tutta Italia.

Oltre a centinaia di milioni di altri animali cacciabili e protetti uccisi, ci sono state numerose vittime umane.   35 morti, dei quali 34 cacciatori e 1 persona comune, ben 74 feriti, dei quali 61 cacciatori e 13 persone comuni.

Questi sono i dati raccolti, come ogni anno, dalla Lega per l’Abolizione della Caccia (L.A.C.).

In Sardegna non è andata meglio: 4 morti, tutti cacciatori, e 11 feriti, dei quali 10 cacciatori e 1 persona comune, una ragazza che cercava funghi.

Alla chiusura della stagione venatoria 2009-2010 si contarono milioni di altri animali uccisi per divertimento e 5 morti e 10 feriti umani in Sardegna.  Tutti cacciatori tranne un giardiniere (ferito).   Un morto in più rispetto alla stagione venatoria 2008-2009.  27 morti e 58 feriti in tutta Italia.

Per la c.d. caccia in deroga s’è già davanti alla Corte di Giustizia europea.

Insomma, sarebbe proprio ora di finirla.

Lega per l’Abolizione della Caccia, Amici della Terra,

Gruppo d’Intervento Giuridico

Altri morti grazie alla caccia...

(foto Federcaccia, La Lupus in Fabula)

  1. 14 Febbraio 2011 a 17:12 | #1

    e i dati sono pure incompleti…

    Agenzia ASCA, 14 febbraio 2011
    CACCIA: INTERROGAZIONE PORETTI (RADICALI), TROPPE VITTIME. VA ABOLITA.

    (ASCA) – Roma, 14 feb – La senatrice Donatella Poretti, parlamentare Radicale, ha presentato un’interrogazione al ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, al ministro dell’Ambiente e al ministro dell’Interno per chiedere, sulla base del numero delle vittime registrate quest’anno legate alla caccia, se non ”ritengano opportuno prenderne in
    considerazione l’abolizione”.
    ”I dati presentati dal dossier dell’associazione vittime della caccia – ricorda Poretti – risalgono al periodo che va dal 2 settembre 2010 al 31 gennaio 2011 e, in particolare durante i cinque mesi, in ambito venatorio sono complessivamente contate ben 100 vittime: 25 morti (di cui uno non cacciatore) e 75 feriti (di cui 16 non cacciatori).
    Un numero che resta abbastanza stabile nel corso degli ultimi anni: nella stagione 2007/2008 ci furono 109 vittime (30 morti e 79 feriti), in quella dopo 103 (25 morti e 78 feriti),e altre 95 durante la stagione 2009/2010 (24 morti e 71 feriti). Questo nonostante la stagione venatoria sia sempre piu’ breve e il numero dei cacciatori diminuisca.
    Ma – avverte la senatrice – a questo triste bilancio occorre aggiungere anche le vittime delle armi da caccia occorse in ambito extravenatorio, che hanno causato nel periodo da settembre scorso alla fine di gennaio ben 28 morti e 13 feriti, tra cui anche una bambina di 3 anni e un bambino di 5 anni, il quale e’ stato ridotto in gravissime condizioni. Complessivamente gli incidenti dovuti ad armi da caccia hanno quindi coinvolto sia cacciatori
    sia persone estranee all’attivita’, questo per via anche del fatto che l’articolo 842 del Codice Civile consente ai cacciatori di entrare liberamente nella proprieta’ privata altrui: una peculiarita’ giuridica pressoche’ unica in Europa, una sorta di abdicazione del diritto di
    proprieta’ privata costituzionalmente protetto”. ”Anche su questa mostruosita’ giuridica che ancora vige a beneficio di una sempre piu’ minoritaria lobby della caccia, che continua a mietere vittime anche tra chi niente vorrebbe avere a che fare con questo ‘sport’ sanguinario – riferisce Poretti – ho chiesto ai ministri non ritengano opportuno prenderne in
    considerazione l’abolizione, prevedendo altresi’ che l’attivita’ venatoria sia consentita solo in alcuni luoghi ben circoscritti, nelle more di un ripensamento piu’ generale della materia che miri a una disincentivazione dell’attivita’ e a una auspicabile sua progressiva abolizione”.

    http://www.asca.it/news-CACCIA__INTERROGAZIONE_PORETTI_(RADICALI)__TROPPE_VI
    TTIME__VA_ABOLITA-990154-POL-1.html

I commenti sono chiusi.