Home > Primo piano > Il piano per l’edilizia sardo finisce davanti alla Corte costituzionale.

Il piano per l’edilizia sardo finisce davanti alla Corte costituzionale.

cantieri edilizi

cantieri edilizi

 

Era prevedibile.   Le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra l’avevano puntualmente denunciato nelle sedi competenti, il Procuratore della Repubblica di Oristano Andrea Padalino Morichini l’aveva argomentato in modo ampio ed esaustivo: la legge regionale n. 4/2009 sul c.d. piano per l’edilizia presenta evidenti dubbi di legittimità costituzionale

Il Governo nazionale aveva fatto orecchie da mercante, ma ora la Corte costituzionale si pronuncerà in seguito a una questione di legittimità sollevata nell’ambito di un procedimento penale dal Tribunale di Oristano.

Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra

 

da La Nuova Sardegna, 4 marzo 2011

Cittadino di Oristano applica la nuova norma in deroga al Puc e viene denunciato per abusivismo dalla polizia comunale. A rischio il Piano casa, decide la Consulta. La Sinistra: «Cosa succede a fidarsi di Cappellacci». Rassu: «Rimango tranquillo».

CAGLIARI. Il Piano casa varato dalla Regione rischia di essere bocciato dalla Corte costituzionale nella parte in cui deroga i piani urbanistici comunali per gli ampliamenti delle abitazioni. Denuncia del gruppo di Sinistra dopo un’udienza nel tribunale di Oristano.    La questione di legittimità è stata sollevata in via incidentale dal Tribunale di Oristano che ha avviato un procedimento penale contro un cittadino che, avvalendosi della legge regionale, ha iniziato i lavori per l’ampliamento di un appartamento. Il tutto, secondo la polizia municipale, in violazione del Puc e delle procedure previste dalla pianificazione urbanistica. La questione è stata ripresa ieri in una conferenza stampa dai consiglieri regionali di opposizione Luciano Uras, Carlo Sechi e Claudia Zuncheddu, tutti del gruppo di Sinistra. «Un cittadino che si è fidato di Cappellacci e della normativa approvata dalla maggioranza di centrodestra – ha detto Uras – rischia di diventare un pregiudicato e tutti quelli che hanno fatto i lavori potrebbero essere abusivi e penalmente punibili».

Costa Paradiso

Costa Paradiso

«La maggioranza – ha detto Sechi – è stata annebbiata dall’idea che lo strumento regionale potesse superare lo strumento di pianificazione comunale. E i Comuni non hanno adeguato i Puc perchè occorre garantire i servizi e gli standard». E’ la «concretizzazione del disagio che questa giunta ha creato ai cittadini – ha sottolineato Claudia Zuncheddu – senza contemplare il recupero dell’esistente». Al gruppo di Sinistra ha replicato l’assessore regionale all’Urbanistica, Nicola Rassu, secondo il quale «il Piano casa è pienamente in vigore. Siamo certi del corretto operare della giunta e del Consiglio e aspettiamo con serenità il responso della Corte». Rassu ha spiegato che «la Regione non ha mai inteso sostituirsi ai Comuni o espropriali delle loro prerogative». Quanto al rischio per i cittadini di essere accusati di abusivismo, Rassu ha osservato: «Nessuna prova esiste fin tanto che la Corte non emetterà il suo verdetto. La Regione inoltre gode in materia urbanistica ed edilizia di competenza esclusiva, in forza dell’articolo 3 dello Statuto, e la legge 4 del 2009 è perfettamente coerente con l’intesa istituzionale sottoscritta con il Governo e con tutte le leggi sul Piano Casa emanate dalle altre regioni italiane».

cantiere edilizio Costa Paradiso

cantiere edilizio Costa Paradiso

 

da www.regione.sardegna.it, 3 marzo 2011

Piano Casa: Rassu, “La legge è in vigore, non è consentito sostituirsi alla Corte Costituzionale”. “Non è consentito sostituirsi al Giudice di legittimità, nel tentativo di intimidire i cittadini e disincentivarli dall’utilizzare le possibilità offerte dalla nuova legge regionale, del tutto analoga a quella delle altre regioni d’Italia”. Così ha detto l’assessore Rassu: http://www.regionesardegna.it/xml/getpage.php?cat=7875

 (foto per conto GrIIG, J.I., archivio GrIG)

  1. Cementificio Costiero SPA!
    12 Marzo 2011 a 0:24 | #1

    Politici, li vogliamo chiamare politci! Si gente preparata tecnicamente e politicamente! Quale e’ stata la mano benedetta che l’ha condotta alla sua candidatura?! Dai sappiamo tutti come vanno le cose, non stiamo a prenderci in giro, se la politica non avesse interessi privati non farebbero a gare per stare tutti li, sempre e sempre i soliti noti! Dai un po’ di glasnost non vi farebbe male. Sa’ la gente che gira intorno a quel comune e’ sempre la stessa. Lo sa’ gia’, ma se vuole si guardi le liste degli ultimi 30 anni e cerchi le connessioni negli alberi genealogici, poi le amicizie e le connessioni e visto che lei li conosce tutti ci mettera’ un attimo a trovare i punti di connessione! Parliamo di segreti di pulcinella! Vox populi parla gia’ delle persone originalissime che si candideranno per i nuovi stravolgenti cambiamenti! I precelti dal Buddha! Sa’ c’e’ gente che ha pudore e se non fatto una carriera di tipo politico e non ha una eccellente preparazione non va’ a fare la figurina di carta pesta o a scaldare le sedie del municipi! Mi auguro che presto qualcuno di competente occupi quei posti. Viene da piangere quando si leggono le liste e ci si chiede ma questa persona come mai e’ li’ e che competenze ha? E la domanda rimane senza una risposta! Meno male che la politica non influisce sulle decisioni dei comuni! Mi autocensuro perche’ mi viene da usare una parolaccia! E queste sarebbero le cosidette sinistre che indicano ambiente e sociale come priorita’! Fossero le destre sarebbero l’esatta fotocopia! Purtroppo e’ cosi’, finche’ la gente non si sveglia e’ cosi’! Quindi in 5 anni parliamo di 1825 giorni , questi bei politici cosa hanno fatto di bello? Per quanto riguarda le dune della Marinedda prima hanno concesso di costrire e questo oltre al cemento ha comportato un forte aumento delle presenze e l’ingresso indiscriminato di auto e questo non ha fatto altro che deturparne il fragile ecosistema. Ora fate finta di salvare cio’ che le concessioni hanno distrutto. La cava di cui parla nel suo precedente intervento cosa ospitera’ un parco giochi? C’e’ tanto da dire, ma e’ tutto inutile tanto la mentalita e’ quella che e’ e questa gente vive con i paraocchi. Grazie al Gruppo D’ Intervento Giuridico per il suo lavoro, grazie per quello che fate siete tra’ i pochi a fare il vostro dovere di cittadini civili. Scusate per tutto lo spazio preso, ma a meno che non senta un altra mega fesseria in questo articolo questo sara’ il mio ultimo intervento. Grazie per l’ospitalita’. Volevo concludere con una battuta, lei , ha detto piu’ volte che non conosco la realta’ locale e politica e che sono una persona incompetente e poi mi invita a candidarmi, ora capisco la logica e la coerenza della vostra filosfia di pensiero!!!!!!!!

  2. cristian prunas
    12 Marzo 2011 a 0:21 | #2

    Niente da dire sui procedimenti aperti e sulle richieste di informazioni a caratere ambientale, che ovviamnete conosco, e per quanto mi riguarda, queste iniziative sono giuste e meritevoli. Giusto per chiudere il discorso sulle foto, qualsiasi cantiere edile avrebbe potuto avvalersi del c.d piano casa, ma quel cantiere non lo ha fatto!!!!!semplice!!!!è giusto e doveroso che un sito come questo pubblichi tutto ciò che può essere rilevante ed utile per la tutela e la protezione dell’ambiente, ma non mi piace quando si fa di tuttta l’erba un fascio. Da amministratore Comunale vi dico che le porte e gli uffici del Comune sono aperti e quando volete potete avere tuttele le informazioni che vi servono per tutelare un interesse diffuso come l’ambiente, un bene che noi abbiamo in prestito e che dobbiamo restituire intatto alle generazioni future come disse qualcuno qualche anno fa!!!

  3. 11 Marzo 2011 a 17:38 | #3

    @cristian prunas : per completezza di informazione, vi sono alcuni procedimenti aperti presso la magistratura e le pubbliche amministrazioni competenti in merito a richieste di informazioni a carattere ambientale e opportuni interventi inoltrate da Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra riguardo attività edilizie in loc. Costa Paradiso (Trinità d’Agultu).
    Riguardo le foto, non possiamo che ricordarvi che si tratta semplicemente di foto di cantieri edilizi. E, secondo gli obiettivi enunciati della legge regionale Sardegna n. 4/2009, qualsiasi attività edilizia avrebbe potuto beneficiare del c.d. piano per l’edilizia. E’ solo un caso che si tratti di cantieri aperti a Costa Paradiso.

  4. cristian prunas
    11 Marzo 2011 a 16:59 | #4

    Evidentemente sono l’unico sasso che non lo sa!!!!!Si ho letto che G.D’intervento giuridico si è occupato di questo caso, ma nno sempre sparando nel mucchio ci si azzecca, infatti è uno dei casi in qui hanno preso un abbaglio. Mi tropo pienamente d’accordo sul discorso della moltiplizazione dei monolocali a discabito della qualità. ma dire che i politici approvano i progetto denota in te ignoranza e vecchio modo di pensare tipico del passato e di chi ancora crede che la politica possa decidere tutto. L’unico modo per fare cambiare l’aria è mettersi in gioco, candidati e dai il contributo al paese!!!!
    P.S niente grandi ventilatori!!!no grazie.meglio il fotovoltaico.

  5. Cementificio Costiero SPA!
    11 Marzo 2011 a 16:39 | #5

    Le rispondo con una battuta di Toto’, ma mi faccia il piacere, lei non sa’ cio’ che dice. La politica non c’entra con l’approvazione delle concessioni edilizie? Ripeta allo specchio 3 volte prima di sparare delle boiate tanto grosse! Niente milanesi mi dispiace per lei! Se permette la realta’ di Costa Paradiso e le incongruenze di Trinita’ li conosco prima di lei, vedo che la politica le fa’ dire cose insensate. Non conosce di chi sono le case? Ebbene lo sanno anche le rocce!
    Si tenga informato. Poi sono apparse notizie a riguardo sulla stampa, se lei legge, proprio su questi 2casi! Se ne occupato proprio il G.D’ Intervento Giuridico. Che coincidenza! Dai vada a raccontare le sue fesserie altrove che qua di stupidi infantili non ce ne sono! Si ricordi che lei e’ un rappresentante dei cittadini. Cosa vuole dire se uno campa solo di cemento , allora se uno sa’ solo rubare, ruba e basta?! Campare e speculare 2 cose ben diverse e gli speculatori sono tutti uniti da comuni denominatori. Es. basico, terreno che deve accomodare una villa accomoda 3 appartamenti, terreno che deve accomodare una bifamiliare accomoda 6 appartamenti, ogni casa che in media puo’ accomodare 3 o 4 persone diventa con tre appartamenti un luogo che ne accomoda da 9 a 12 e cosi’ via! Diventa un mercato a cielo aperto! Certo che quando si privilegia la quantita’ alla qualita’ per il dollaro veloce, si crea un turismo di massa osceno che rispecchia l’oscenita’ dello scempio e di chi lo fa’. Non mi faccia dire altro e la smetta di insultare l’intelligenza altrui, non devo stare qua a dirle cose che lei saì ma vuole negare. Chi approva i progetti , Babbo Natale o i politici eletti? Tecnicamente lei dice non deve essere cosi’, ma forse e’ cosi! O non lo e’?! Ci illumini lei che e’ cosi’ dotto! La storia e’ lunga. Arrivano le elezioni si spera che l’aria cambi! Negli ultimi 30 anni vedo che l’aria e’rimasta stagnante a parte qualche boccata d’aria passeggera! Rifletta molto bene prima di parlare non siamo tutti babbioni come pensa lei! Mi spiace che il G. D’intervento Giuridico debba stare a sentire queste cose, ma la realta’ e’ piu’ triste di quanto appaia, sono abituati a un popolo silenzioso che sempre tace e tende ad essere soporifero! Aspettate che scoprano le pale eoliche e poi oltre che al cemento gli imprenditori e i loro amici del cuore si daranno al VENTO!!!! AIUTO!!!!

  6. cristian prunas
    11 Marzo 2011 a 10:17 | #6

    Ti sbagli di grosso, se fosse stata pubblicata la foto di pinco pallino e non fosse un sito interessato dal c.d piano casa mi avrebbe comunque infastidito. si chiama amore della verità ed informazione corretta, e non usata a piacere solo per ingannare chi legge. Io non conosco neppure i proprietari, conosco il progettista perchè a Trinità ci sono 5 geometri quindi è ovvio che lo conosca. Per quanto riguarda chi lo ha approvato evidentemente non conosci la procedura altrimenti sapresti che la parte politica non ha niente a che vedere con il rilascio delle concessioni edilizie.Non discuto dell’altra foto perchè non conosco la situazione, semplice. Per quanto riguarda le cose fatte dal mio gruppo per l’ambiente ti posso citare qualcosa.recupero ex cava caolino, bonifica ex discarica, valorizzazione sito marinedda per proteggere le dune di sabbia ed altri ancora. per quanto riguarda il giudizio e l’idea che hai dei costruttori mi pare una sentenza sputata dalla bocca di chi non conosce la realtà. in certi casi l’attività edilizia è l’unico lavoro che le persone sanno fare, ma voi sapete solo sentenziare, spero di parlare con l’ennesimo Milanese che dopo aver edificato a Costa paradiso vuole che nnoo si facciano altre case dopo la sua!!!ma finchè nno avrai il coraggio di dirci come ti chiami resteremo nel dubbio!!!!saluti

  7. Cementificio Costiero SPA!
    10 Marzo 2011 a 4:11 | #7

    Ho tralasciato una parte nel mio commento precedente. Forse e’ vero, qualche scempio c’e'! Ammiro il suo coraggio di dire qualche, qualch?! Alla faccia! Se lo scempio e’ circoscritto a qualche, io sono il nonno del mago Silvan! Sostenere che e’ solo qualche e’ un insulto all’intelligenza altrui, molti direi, molti! Troppi per i miei gusti e non solo per i miei! Fare per l’ambiente deve essere il motto e non strappare terreno e distruggere l’ambiente il cemento non fa’ mai nulla di bello ne per l’ambiente ne per le future generazioni e in particolare quando e’ fatto in modo speculativo distruggendo intere aree solo per l’ossessione di certi di accumulare denaro. L’ambiente e’ un bene di tutti se uno al posto di una montagna deve vedersi un mostro ecologico che avanza non mi pare un bel vedere, se a lei piace, ma non credo, auguri!

  8. Cementificio Costiero SPA!
    10 Marzo 2011 a 3:57 | #8

    Il mio interesse e’ di comune cittadino schifato dallo scempio, c’e’ anche gente, che si indigna di fronte a questi scempi. Che parla senza avere interesse a differenza di altri, se fosse stata pubblicata la foto di casa di un pinco pallino qualsiasi a lei non sarebbe interessato contestarle, le prudono queste due foto in particolare. Forse le interessa per il suo ruolo pubblico. Magari queste opere in foto sono state approvate dai suoi amici e sono di suoi amici o conoscenti. La foto in prima pagina di un altro luogo non le interessa proprio.Il mio intervento e’ pulito e il suo atteggiamento e’ tipico dei comuni costieri dov’e’ vietato criticare i comuni e gli imprenditori edili che sono quelli che intrecciandosi detengono il totale potere, economico, politico e finanziario a discapito di altri a cui il cemento utilizzato in modo vergognoso non piace e non e’ mai piaciuto. Cosa ha fatto il suo gruppo per preservare o proteggere l’ambiente? Ci elenchi un po’ la lista, visto che sui siti dei comuni Italiani appare che lei e’ in carica dal 2006. Io non ho nessun interesse il mio solo interesse e’ l’indignazione delle schifezze. Non sempre sa’ la gente ha interesse di cemento a volte uno ha interessi senza un ritorno pecuniario per l’ambiente sa’ com’e', capita. La sua argomentazione e’ debolissima. Ma bisogna essere omertosi, ovviamente! E poi parlano della Sicilia! Mha’!

  9. Marco
    9 Marzo 2011 a 21:33 | #9

    Nessuno vuole censurare niente. Certo ognuno si firma come vuole e chi non ha il coraggio di usare il vero nome e’ libero di farlo. Io ho usato il mio a dimostrazione che non ho nessun interesse personale. Unica cosa che mi ha infastidito e’ stata quella di usare foto non collegate all’oggetto della discussione. Forse e ‘ vero qualche scempio c’è, nessuno lo nega. Il tipo del mio interesse e’ quello della verità’ e delle informazioni date correttamente. Se sapessi con chi parlo magari direi quale e’ il tuo di interesse!

  10. Cementificio Costiero SPA!
    9 Marzo 2011 a 1:43 | #10

    Ognuno in un paese libero sceglie di firmarsi come vuole, come un sito e’ pure libero di decide di pubblicare le foto che vuole, la censura non e’ nelle sue mani. Qual’e’ la cosa che le prude su queste cose? Se sono foto di privati vedranno i privati se vogliono che siano pubblicate o meno. Cosa c’entra se sono lottizzazioni private, lei che tipo di interesse ha a riguardo, pubblico o privato? Mi pare siano foto che rispecchiano la triste realta’ di un territorio massacrato a lei non risulta anche visivamente che ci siano scempi edilizi? A lei non risulta che vi siano connessioni di parentopoli e connettopoli sul territorio e questa una cosa che la coglie di sorpresa e la stupisce? Quale e’ la foto che la disturba e per quali motivi? Elabori. La foto e’ il semplice specchio di una spiacevole realta’. Se lei vuole passare un cartello nero per censurare le foto vuole chiaramente censurare la realta’. Ovviamente le Gallura ha difficolta’ ad accettare di vedere la triste realta’ che si abbatte sul territorio, il cemento piace troppo.

  11. cristian prunas
    8 Marzo 2011 a 23:36 | #11

    Innanzitutto gradirei che ti firmassi come ho fatto io, se nno ti vergogni delle tue idee ovviamente.
    In secondo luogo non vi è nessuna vergogna, ma semplicemnete nno trovo giusto pubblicare una foto che on ha a che fare con l’articolo.
    Non capisco come si possa parlare di parentopoli se si parla di una lottizzazione privata, prova a spiegarti e magari ne discutiamo.

  12. Cementificio Costiero SPA!
    8 Marzo 2011 a 19:30 | #12

    Cari gruppo d’intervento giuridico, non vi preoccupate , mettete e denunciate tutte le foto di Costa Paradiso che volete, il luogo ormai e’ divenuto la parentopoli della cementopoli! Non piu’ paradiso ma inferno di calde colate di cemento. Ovviamente a chi e’ in comune e ai loro amici e parenti non piace vedere immagini di costruzione fatte e approvate da loro di cui sono tanto fieri sulla carta ma di cui poi si vergognano se ne vengono pubblicate le tristi immagini! Una vera contraddizione; Io mi vergognerei del cemento piu’ che di chi ne denuncia l’uso sproporzionato nel nome di una economia che distrugge l’ambiente. Il portafogli di pochi che si riempie a sfavore dell’ambiente. L’AMBIENTE ORMAI NON IMPOSRTA A NESSUNO E NON VA’ DI MODA COME IL CEMENTO. Ora anche a Viddalba il nuovo sindaco un imprenditore edile che in una sua intervista su you tube parla di adeguarsi ai ritmi di sviluppo di Badesi, che tradotto significa cemento fresco a oltranza e una nuova ondata di speculazione edilizia, tenete d’occhio il posto e ne vedrete pure li’ delle belle! I galluresi hanno il cemento nel sangue e’ piu’ forte di loro, lo sognano, lo amano, lo adorano, sono talmente dipendenti che non riescono a pensare ad altro! Alla fine chi di cemento ferisce di cemento perisce, ma purtroppo chi paghera’ per i danni di questa gente saranno le future generazioni.

  13. 6 Marzo 2011 a 22:47 | #13

    @cristian prunas : il c.d. piano per l’edilizia riguarda, potenzialmente, qualsiasi attività edilizia, è questo l’obiettivo dichiarato della legge.

  14. cristian prunas
    6 Marzo 2011 a 22:40 | #14

    Si ma trattando l’articolo del famoso Piano Casa a mio parrre sarebbe stato più corretto usare foto di casi legati al Piano casa!!!!

  15. 6 Marzo 2011 a 22:15 | #15

    @cristian prunas : buonasera Cristian, vi sono delle foto che riguardano semplicemente attività edilizia in Sardegna. Tutto qui.

  16. cristian prunas
    6 Marzo 2011 a 20:42 | #16

    Buonasera
    sono un vostro affezzionato visitatore e condivido molte delle vostre battaglie, non tutte perchè certe volte esagerate!!!
    Non riesco a capire perchè in questo articolo avete messo le foto di Costa Paradiso. vi è un motivo?in caso contrario esprimo il mio disappunto.

I commenti sono chiusi.