Home > Primo piano > Noi siamo disposti a sbaraccare la legnaia dall’Anfiteatro romano di Cagliari!

Noi siamo disposti a sbaraccare la legnaia dall’Anfiteatro romano di Cagliari!

L'Anfiteatro romano di Cagliari, proprio carne di porco.

Alessandra Anedda, Roberta Aresu, Alessandro Baldussi, Claudia Basciu, Laura Chicca, Nicola Contini, Michela Cossu, Stefano Deliperi, Luigi De Magistris, Paolo Erasmo, Michele Fioraso, Massimiliano Farris, Paolo Fiori, Daniele Floris, Juri Iurato, Guido Loi, Graziella Marceddu, Barbara Mascia, Alessandro Murenu, Fabrizio Murgia, Marco Pitzalis, Marco Pratolino, Andrea Puddu, Andrea Scano, Pier Paolo Spanedda, Nicola Toro, Margherita Zanardi, Elena Zuliani sono i 28 volontari che hanno aderito all’appello via internet promosso dalle associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra e si sono impegnati a mettere a disposizione almeno 10 ore del proprio tempo libero per smontare – sotto la direzione della Soprintendenza archeologica di Cagliari – la legnaiaabusiva che da troppi anni opprime l’Anfiteatro romano di Cagliari.

Almeno 280 ore di lavoro gratuito che possono contribuire ad abbattere i costi della manodopera per eliminare il rivestimento di legno (in parte marcio) e tubi che copre il più importante monumento romano della Sardegna.  L’elenco dei nominativi sarà inviato al Comune di Cagliari e alla Soprintendenza per i Beni Archeologici di Cagliari.

Anfiteatro romano con allestimento per spettacoli, Cagliari

Anfiteatro romano con allestimento per spettacoli, Cagliari

L’Istituto centrale del Restauro e la Soprintendenza per i Beni Archeologici hanno nuovamente chiesto la rimozione della legnaia abusiva, la Procura della Repubblica (finalmente) indaga, il Comune di Cagliari tentenna mentre i soliti noti operatori degli spettacoli sbraitano.   Noi e i volontari abbiamo dato una risposta chiara e precisa: quando s’inizia a sbaraccare?

Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra

 

(foto S.D., archivio GrIG)

  1. Marco Argiolas
    20 Giugno 2012 a 11:23 | #1

    Sono il tecnico che a suo tempo era stato incaricato dall’Impresa, per la determinazione ed il calcolo degli ancoraggi della struttura sull’opera d’arte, con la finalità di minimizzarne l’impatto.
    Quando si deciderà di demolire la struttura (speriamo presto) si renderà necessaria una particolare procedura per l’estrazione degli ancoranti, e per la riparazione dei fori realizzati sulla pietra, che nonostante siano stati ridotti al minimo come quantità e dimensione, sono pur sempre numerosi.
    Se mi chiamate posso darvi in maniera del tutto gratuita le indicazioni e l’assistenza necessarie per riparare al meglio le “cicatrici” che resteranno dopo questa brutta storia.
    Saluti

  2. Marcello Madau
    2 Maggio 2011 a 12:15 | #2

    Ok

  3. salvatore
    28 Aprile 2011 a 23:11 | #3

    quando si comincia?

  4. 28 Aprile 2011 a 15:11 | #4

    certamente, benvenute!

  5. giovanna bonino
    28 Aprile 2011 a 12:16 | #5

    vorrei dare parte del mio tempo per questa nobile e necessaria opera!!!contattatemi

  6. paola
    28 Aprile 2011 a 10:13 | #6

    finalmente !!!!qualcosa si muove …nel mio piccolo vorrei contribuire dando una mano d’aiuto fatemi sapere….

  7. Letizia Zoncu
    28 Aprile 2011 a 7:15 | #7

    son ancora in tempo per unirmi ai volontari ?

I commenti sono chiusi.