Archivio

Post Taggati ‘associazioni’

Campagna iscrizioni al Gruppo d’Intervento Giuridico.

 

L’anno appena passato, ci ha visti impegnati in numerose battaglie in difesa della Terra che ci ospita: siamo intervenuti in favore della tutela delle nostre coste, degli stagni, degli "altri" animali e, naturalmente, in favore della salute di tutti i cittadini. Come sapete, il Gruppo d’Intervento Giuridico è un’associazione indipendente che opera in via autonoma, e la maggior parte delle nostre iniziative è partita grazie alle vostre segnalazioni, ed alle vostre richieste: le segnalazioni pervenute e, naturalmente, vagliate, sono state circa un migliaio e, di queste, 193 hanno portato ad altrettante richieste di informazioni rivolte alle pubbliche amministrazioni interessate. Abbiamo fatto tanto, ottenendo dei buoni risultati ma gli attentati al nostro ambiente non sono finiti e noi abbiamo ancora bisogno del vostro sostegno, per portare avanti le battaglie che ci aspettano nel futuro, per sensibilizzare, per informare, per migliorare questo mondo, per vigilare. Per questo vi chiediamo di sostenere il Gruppo d’Intervento Giuridico, attraverso la vostra partecipazione attiva, e diventando nostri soci, con un versamento di € 15,50 sul conto corrente postale n. 22639090 intestato a "associazione Gruppo d’Intervento Giuridico". Grazie!

Prosegui la lettura…

DIVENTA UNA SENTINELLA DELL’AMBIENTE CON IL GRUPPO D’INTERVENTO GIURIDICO!

 

Il Gruppo d’Intervento Giuridico è un’associazione ecologista che agisce in completa autonomia, su segnalazione di associazioni, comitati, singoli cittadini. Dal 1992 difendiamo il territorio dagli attentati che, quotidianamente, vengono portati avanti da speculatori, inquinatori e, purtroppo, amministratori pubblici distratti o insensibili, ottenendo, spesso, importanti risultati nella salvaguardia dell’ambiente, delle nostre bellezze naturalistiche, paesaggistiche e archeologiche. Le battaglie ambientali vinte e il sostegno di tante persone ci spronano ad impegnarci quotidianamente, non senza difficoltà, per vivere in un mondo migliore e pensiamo che in tutta Italia ci siano persone disposte a battersi per lo stesso scopo. Noi cerchiamo quelle persone, perché solo unendo le nostre forze è possibile difendere la Terra che ci ospita.

Prosegui la lettura…

L’associazionismo per l’ambiente degli altri, l’esperienza toscana.

E ora chi paga il servilismo verso le associazioni venatorie ?


CACCIA IN DEROGA: L’UNIONE EUROPEA PRESENTA IL CONTO: CHI PAGHERA’ IL SERVILISMO VERSO I CACCIATORI ? La Commissione europea ha deciso, nella seduta dello scorso 7 aprile 2006, di inviare all’Italia due lettere di “messa in mora” riguardo le due leggi regionali della Sardegna e del Veneto che prevedono la c. d. caccia in deroga nel mese di febbraio ad un numero esorbitante di specie avifaunistiche e di relativi esemplari. In proposito, pochi mesi or sono la Direzione generale ambiente della Commissione europea aveva già comunicato (nota n. ENV A2/LCI/ac D 2005 21724 del 19 ottobre 2005) di aver inviato una precedente ”lettera di messa in mora” in data 18 ottobre 2005 sul rispetto delle direttive comunitarie in materia di tutela della fauna (direttiva n. 79/409/CEE e direttiva n. 92/43/CEE) in relazione alla c. d. caccia in deroga prevista dalla Regione autonoma della Sardegna con la legge regionale n. 2 del 13 febbraio 2004 ex art. 9 della direttiva n. 79/409/CEE (istituto attuato in Italia con la legge n. 221/2002) e con il decreto Assessore difesa ambiente n. 3/V del 18 febbraio 2004 che ha autorizzato tale forma di caccia per quattro giornate a fine del febbraio 2004 ai danni di passero, passera mattugia, storno e tordo con la possibilità di abbattimento potenziale di ben 6.000.000 di esemplari da parte dei circa 50.000 cacciatori sardi con la patetica motivazione che avrebbero provocato danni imprecisati al mirto, senza alcuna preventiva valutazione tecnico-scientifica. In sostanza, vi è stata una semplice richiesta dell’Assessore regionale dell’agricoltura e riforma agro-pastorale (nota prot. n. 296/Gab. del 13 febbraio 2004). La legge regionale n. 2/2004 risulta violare le direttive n. 79/409/CEE, n. 85/411/CEE e n. 91/244/CEE prevedendo la c. d. caccia in deroga in danno di tutte le "specie di fauna omeoterma" senza alcuna distinzione, senza alcun parere tecnico-scientifico dell’Istituto nazionale per la Fauna Selvatica (I.N.F.S.), prescritto dagli artt. 9 della direttiva n. 79/409/CEE e 19 bis della legge n. 157/1992 come introdotto dalla legge n. 221/2002 (vds. sentt. Corte cost. n. 135/2001, n. 53/2000, n. 272/1996, n. 248/1995, n., 35/1995). Il decreto assessoriale n. 3/V del 18 febbraio 2004 ha violato ancor più pesantemente la normativa comunitaria in materia, prevedendo la c. d. caccia in deroga senza aver esperito alcun rimedio alternativo, senza dimostrare i pretesi danni alle coltivazioni agricole, coinvolgendo specie avifaunistiche già oggetto dell’ordinaria stagione venatoria appena conclusa, autorizzando prelievi venatori potenziali tutt’altro che modesti e marginali in pieno periodo migratorio prenuziale e riproduttivo, in palese spregio della giurisprudenza della Corte di Giustizia in tema (vds. sentenze 16 ottobre 2003, causa C-182/02; 7 dicembre 2000, causa C-38/99; 19 gennaio 1994, causa C-435/92; 17 gennaio 1991, causa C-157/89). Inoltre, la relazione I.N.F.S. n. 2573/2004 ha esplicitamente escluso la sussistenza delle condizioni ecologiche-naturalistiche per la c. d. caccia in deroga nel caso della normativa sarda. In realtà, come appare evidente, mediante il meccanismo procedurale della c. d. caccia in deroga la Regione autonoma della Sardegna sembra essersi preoccupata esclusivamente di aggirare per l’ennesima volta il divieto di prolungamento della stagione venatoria oltre il termine ultimo del 31 gennaio, stabilito dalle direttive n. 79/409/CEE, n. 85/411/CEE e n. 91/244/CEE, dalla legge n. 157/1992 (artt. 18 e 30) e dalla medesima legge regionale n. 23/1998 e confermato dalla giurisprudenza costituzionale costante (vds. sentt. Corte cost. n. 311/2003, n. 227/2003, n. 226/2003, n. 536/2002, n. 323/1998, n. 272/1996, n. 35/1995, n. 577/1990, n. 1002/1988) nonché da numerosissime pronunce dei Giudici amministrativi. In particolare, ”la Commissione ha contestato all’Italia (quale Stato membro, n.d.r.) il fatto che nella Regione Sardegna sia in vigore una normativa regionale sulla autorizzazione alle deroghe al regime di protezione degli uccelli selvatici che non rispetta alcuni principi e condizioni stabiliti dall’articolo 9 della direttiva 79/409/CEE”. In sostanza, un demagogico appiglio per ubbidire all’arrogante pretesa delle parti più retrive del mondo venatorio che crede che andare a caccia a febbraio sia il problema principale della Sardegna. Le associazioni ecologiste Amici della Terra, Lega per l’Abolizione della Caccia, L.A.V., Movimento U.N.A. e Gruppo d’Intervento Giuridico hanno in proposito inoltrato specifico ricorso n. 2004/4242 (note del 13 e del 20 febbraio 2004) alla Commissione europea ai sensi dell’art. 226 del trattato U. E. Ora la Regione autonoma della Sardegna dovrà trovare qualcosa di credibile per giustificarsi davanti alle Autorità comunitarie sulle motivazioni, o meglio i “pretesti”, utilizzati per consentire la c. d. caccia in deroga. Essa, infatti, viola le normative comunitarie in materia (direttiva n. 79/409/CEE e direttiva n. 92/43/CEE) nonchè la normativa nazionale vincolante (legge n. 157/1992) quando permette potenzialmente la c. d. caccia in deroga a carico di qualsiasi "specie di fauna omeoterma" che produca danni in agricoltura a mero giudizio dell’Assessore regionale della difesa dell’ambiente (sentito l’Assessore regionale dell’agricoltura) senza alcun parere di istituti tecnico-scientifici competenti in materia di gestione del patrimonio faunistico. In pratica – magari per accattivarsi i cacciatori – l’assessore di turno può – magari sotto elezioni – aprire la caccia al Cervo sardo con la scusa che mangia il foraggio….. Si ricorda, inoltre, che le associazioni ecologiste ed animaliste Amici della Terra, Lega per l’Abolizione della Caccia, WWF, Movimento U.N.A., Legambiente, E.N.P.A. e Gruppo d’Intervento Giuridico, nonchè i rappresentanti ecologisti nei Comitati regionale e provinciali faunistici di Cagliari ed Oristano hanno chiesto ai Presidenti della Regione Renato Soru e del Consiglio regionale Giacomo Spissu ed all’ Assessore regionale della difesa dell’ambiente Tonino Dessì (nota dell’1 dicembre 2004) di assumere tutte le necessarie iniziative legislative ed amministrative finalizzate all’abrogazione della c. d. caccia in deroga. Ora l’Italia o, meglio, la Regione autonoma della Sardegna, ha sessanta giorni di tempo (termine ordinatorio) per abrogare le disposizioni che vìolano la normativa comunitaria pena il ricorso alla Corte di Giustizia europea ed il fondato rischio di una condanna, anche ad una pesante sanzione pecuniaria: molto probabilmente ne vedremo delle belle….. Amici della Terra, Lega per l’Abolizione della Caccia, L.A.V., Movimento U.N.A. e Gruppo d’Intervento Giuridico (foto L.A.C.)