Archivio

Post Taggati ‘capoterra’

Giornata dell’albero, a Poggio dei Pini (Capoterra).

10 Marzo 2011 Commenti chiusi
acqua e gemme

acqua e gemme

Riceviamo e pubblichiamo volentieri.

Gruppo d’Intervento Giuridico

 

COMUNICATO STAMPA: PROGETTO MACCHIA MEDITERRANEA – GIORNATA DELL’ALBERO A POGGIO DEI PINI Prosegui la lettura…

Uccellagione e grive sono solo reato!

trappola avifauna

trappola avifauna

Con l’autunno riprende, purtroppo, la pessima abitudine sarda dell’uccellagione.   E’ bracconaggio, è distruzione del patrimonio ambientale, è un reato (art. 30 della legge n. 157/1992 e s.m.i.).  Chi compra le grive commette il reato di ricettazione (art. 648 cod. pen.).   La Lega per l’Abolizione della Caccia – L.A.C.   appoggia l’attività del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale contro il bracconaggio anche con azioni concrete come le campagne anti-bracconaggio nel Cagliaritano.

Lega per l’Abolizione della Caccia – L.A.C. Prosegui la lettura…

Calamità “innaturale” di Capoterra, autunno 2008: 11 indagati.

alluvione, Capoterra, 2008

alluvione, Capoterra, 2008

La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari, coadiuvata dal nucleo investigativo del Corpo forestale e di vigilanza ambientale, ha chiuso le indagini sulla calamità innaturale dell’autunno 2008 nel territorio comunale di Capoterra: indagate 11 persone, fra cui il sindaco Giorgio Marongiu, funzionari tecnici del Genio civile (Sergio Virgilio Cocciu, Raffaella Serra, Antonio Deplano, Giambattista Novella), della Protezione civile (Sergio Carrus) e del Comune di Capoterra (Italo Deiana), l’allora presidente (Giovanni Calvisi) e responsabile della sicurezza (Giampaolo Cilloccu) della Cooperativa Poggio dei Pini, un impresario (Ettore Corongiu) e un progettista (Enrico Montaldo). Prosegui la lettura…

Dissesto idrogeologico a Capoterra, quanti padri ignoti.

Il nefasto annullamento dei Piani territoriali paesistici ci fece trovare privi di paracadute la notte del 31 dicembre del 2003. Il congelamento delle proposte edificatorie era infatti legato ai Ptp.  Così aveva parlato nei tragici giorni dell’autunno 2008 il sindaco di Capoterra Giorgio Marongiu, quasi per giustificare l’alluvione di cemento sulla piana e sui fiumi capoterresi.  Alluvione di metri cubi che aveva determinato l’alluvione di quei troppi corsi d’acqua che si sono ripresi violentemente lo spazio rubato loro con prepotenza dalla speculazione edilizia con l’aiuto determinante di una pianificazione urbanistica disegnata su misura.   

alluvione, Capoterra, 2008

alluvione, Capoterra, 2008

 ”

 

Non aveva detto che quei piani territoriali paesistici – P.T.P. vennero annullati (1998, 2003), su ricorso degli Amici della Terra, dai Giudici amministrativi perché accoglievano affettuosamente proprio miriadi di Prosegui la lettura…

Chioschi ed aree attrezzate a Mare Pintau?

“Costruzione” di sciagure annunciate, a Capoterra, e scaricabarile, a Cagliari.

Niente pace a Mari Pintau, ora è il turno delle ruspe!

Variante a Poggio dei Pini, altro “disastro annunciato”?

Come ti “costruisco” una sciagura prossima ventura. A Capoterra, tanto per cambiare.

E tre, in un mese e mezzo. Calamità innaturali continue.

29 Novembre 2008 Commenti chiusi

Capoterra, speculazioni non solo sul territorio, anche sui rimborsi.

Sardegna, “calamità innaturale” continua.

Mari Pintau, dall’estate cafona all’autunno alluvionato.

Quando un sindaco non la racconta tutta.

Arriverà un po’ di giustizia per il disastro innaturale di Capoterra ?

Storia di una “calamità innaturale” annunciata, Capoterra.