Archivio

Post Taggati ‘furtei’

Furtei: gli speculatori minerari non pagano nulla.

miniera Santu Miali, Furtei

miniera Santu Miali, Furtei

Con la deliberazione n. 43/42 del 6 dicembre 2010, recentemente divenuta esecutiva, la Giunta regionale, con grave ritardo, ha affrontato sul piano finanziario la pesantissima crisi ambientale conseguente all’abbandono della miniera d’oro di Santu Miali, a Furtei (VS).   Finora solo grazie all’abnegazione dei dipendenti licenziati dalla società mineraria s’è evitato in extremis un disastro ambientale. Prosegui la lettura…

L’on. Mauro Pili straparla su Tuvixeddu.

area archeologica di Tuvixeddu

area archeologica di Tuvixeddu

Leggiamo sulla Stampa regionale le incredibili dichiarazioni dell’ on. Mauro Pili (P.d.L.) in merito ai vincoli storico-culturali di tutela del Colle di Tuvixeddu (Cagliari), in particolare in favore di progetti di viabilità d’interesse fortemente privatistico (il cui punto d’arrivo è, casualmente, la contestata rotonda di Via S. Gilla) e di aperta denigrazione delle posizioni delle associazioni ecologiste e culturali che hanno sempre richiesto la salvaguardia della più importante area sepolcrale punico-romana-medievale del Mediterraneo.

Tace invece su altro. Prosegui la lettura…

A Furtei il disastro ambientale incombe e il Presidente Cappellacci dov’è?

miniera Santu Miali, Furtei

miniera Santu Miali, Furtei

Continua a peggiorare la situazione della miniera d’oro in disuso di Santu Miali, a Furtei (VS). Solo grazie all’abnegazione dei dipendenti licenziati dalla società mineraria s’è evitato in extremis un disastro ambientale. Fino a quando?   E il Presidente della Regione Ugo Cappellacci dov’è? Soprattutto che ha fatto in proposito?

Le associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico fin da settembre scorso (esposto del 4 settembre 2009) hanno chiesto al Ministro dell’ambiente, al Presidente della Regione autonoma della Sardegna, agli Assessori regionali dell’industria e della difesa dell’ambiente, al Sindaco di Furtei, al Commissario straordinario dell’A.R.P.A.S., al Corpo forestale e di vigilanza ambientale ed ai Carabinieri del N.O.E. quali iniziative siano state prese per la messa in sicurezza del cantiere minerario, per la bonifica ed il ripristino ambientale e per il pagamento delle spese da parte del Soggetto concessionario privatoProsegui la lettura…

Ai sardi lo scempio ed i danni, agli speculatori internazionali l’oro ed i guadagni.

Inquinamento ambientale e rischio nucleare.

La corsa all’oro è finita, tanto per cambiare.