Archivio

Post Taggati ‘lazio’

Giù le mani dal demanio civico di Capena!

bosco

bosco

 

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico ha inoltrato (5 maggio 2011) un esposto al Commissario per gli usi civici della Toscana, del Lazio e dell’Umbria, al Presidente della Regione Lazio, al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Tivoli e al Procuratore regionale della Corte dei conti per il Lazio avverso il “piano delle alienazioni di beni immobili di proprietà comunale da classificare nel patrimonio disponibile” del Comune di Capena (RM) che, inopinatamente, include fra i terreni da alienare per far cassa ampie aree in loc. Macchie appartenenti al demanio civico di Capena, fra i boschi, proprio nel sito dove ha avuto origine l’antichissimo borgo laziale. Prosegui la lettura…

In difesa del paesaggio agricolo sabino.

25 Marzo 2011 Commenti chiusi
Colonnetta La Memoria, campagna

Colonnetta La Memoria, campagna

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le associazioni Sabina Ambiente e Paesaggio e Gruppo d’Intervento Giuridico onlus hanno inoltrato (24 marzo 2011) una richiesta di informazioni a carattere ambientale alla Direzione generale Territorio e Urbanistica della Regione Lazio, al Corpo forestale dello Stato e al Comune di Montopoli in Sabina riguardo la realizzazione di una serie di picchetti prodromici a una probabile attività edilizia per la realizzazione di capannoni artigianali nell’area di interesse storico-cultruale Colonnetta – La Memoria, nella campagna di Montopoli Sabina (RI). Prosegui la lettura…

La Snam va al “sacco” dell’Appennino!

PA270032

L’Italia, senza dubbio, è un Paese dove si fa di tutto per agevolare le cosiddette catastrofi naturali.

Quasi tutte sono in realtà catastrofi innaturali, spesso annunciate. Si candida a esser una di queste il progetto Snam del gasdotto appenninico. Spezzettato in cinque tronconi, pur essendo un unico progetto funzionale, non è stato sottoposto a un unico procedimento di valutazione di impatto ambientale – V.I.A., né alla procedura di valutazione ambientale strategica – V.A.S. Prosegui la lettura…

Un bel gasdotto in area sismica!

simulazione lavori di realizzazione del gasdotto (Studio Newton, Fano)

simulazione lavori di realizzazione del gasdotto (Studio Newton, Fano)

L’Italia, senza dubbio, è un Paese dove si fa di tutto per agevolare le cosiddette catastrofi naturali.  Quasi tutte sono in realtà catastrofi innaturali, spesso annunciate.   Si candida a esser una di queste il progetto Snam del gasdotto appenninico. Spezzettato in cinque tronconi, pur essendo un unico progetto funzionale, non è stato sottoposto a un unico procedimento di valutazione di impatto ambientale – V.I.A., né alla procedura di valutazione ambientale strategica – V.A.S. 

Associazioni, comitati, Enti locali si sono già rivolti alla Commissione europea denunciando la palese violazione delle normative comunitarie in materia, interrogazioni parlamentari sono state presentate al Parlamento europeo e al Senato della Repubblica. Eppure la Commissione tecnica di verifica degli impatti – V.I.A. e V.A.S. ha recentemente emesso il parere n. 535 del 7 ottobre 2010 in merito a un procedimento di V.I.A. riguardante un solo troncone progettuale, il tratto Sulmona – Foligno, con la centrale di compressione di Sulmona. Prosegui la lettura…

Le ragioni del no al Gasdotto Brindisi-Minerbio

simulazione lavori di realizzazione del gasdotto (Studio Newton, Fano)

simulazione lavori di realizzazione del gasdotto (Studio Newton, Fano)

In seguito al Ricorso Europeo contro il Gasdotto Brindisi Minerbio, presentato dal Gruppo d’intervento Giuridico e sottoscritto da diversi Comitati, Amministrazioni Provinciali e Locali di Umbria e Marche e da Associazioni Ambientaliste e venatorie,  è sembrato doveroso ed opportuno da parte del Comitato No Tubo dare spiegazioni e delucidazioni sulla propria “battaglia” ai lettori di questo Blog.

Essere contrari al tracciato di un gasdotto può sembrare ad una prima lettura anacronistico e dimostrativo del fenomeno “Nimby”, una comoda etichetta con la quale vengono bollati, chi più chi   meno, tutti i Comitati Italiani che si battono per questioni di carattere ambientale e per la salute.

Per questo motivo vogliamo spiegare  le ragioni profonde  del nostro “No” al tracciato prescelto per questo gasdotto, denominato Rete Adriatica, presentato nell’anno 2004 e di cui sin dall’inizio si sono occupati alcuni cittadini di un paesino montano di circa 2000 anime chiamato Apecchio, sito tra tra le Marche (PU) e la Valtiberina (PG), in mezzo agli Appennini e ai piedi del Monte Nerone. Prosegui la lettura…

Variante al Piano urbanistico di Forano: c’è la VAS?

6 Settembre 2010 Commenti chiusi
Gheppio

                              Gheppio

Lungi dal trovare il suo epilogo, la controversa e bizzarra vicenda della variante di piano regolatore generale del Comune di Forano non smette di attrarre l’interesse (e la preoccupazione) degli ambientalisti…fino ad “oltre Tirreno”, dove le bizzarrie che la accompagnano da oltre quindici anni non hanno mancato di procurare allarme tra gli ambientalisti del Gruppo di intervento Giuridico con sede a Cagliari.  Prosegui la lettura…

No al rinnovo della dichiarazione di pubblica utilità per il progetto Snam del gasdotto appenninico.

manifestazione di protesta contro la realizzazione del gasdotto Snam, Sulmona

simulazione lavori di realizzazione del gasdotto (Studio Newton, Fano)

simulazione lavori di realizzazione del gasdotto (Studio Newton, Fano)

Le associazioni e comitati ecologisti Gruppo d’Intervento Giuridico, Comitato “No Tubo”, Federazione nazionale Pro Natura, WWF, Italia Nostra (Sezione di Pesaro e Fano), Mountain Wilderness, Comitati cittadini per l’ambiente di Sulmona, Comitato civico Norcia per l’ambiente hanno inoltrato (27 agosto 2010) al Ministero per lo sviluppo economico (Dipartimento per l’energia) uno specifico ricorso avverso il rinnovo della dichiarazione di pubblica utilità (D.P.R. n. 327/2001 e s.m.i.) per la realizzazione del gasdotto Sulmona – Foligno e della centrale di compressione di Sulmona da parte della Snam Rete Gas s.p.a.  Per opportuna conoscenza ne è stata inviata copia alla Commissione europea, ai Ministeri dell’ambiente e dei beni e attività culturali, ai Presidenti delle Regioni Abruzzo, Lazio, Umbria, Marche.   Prosegui la lettura…

Il progetto Snam del gasdotto appenninico finisce al Parlamento europeo.

Appennino umbro-marchigiano

Appennino umbro-marchigiano

Il deputato catalano Raül Romeva i Rueda, del Gruppo Verdi/A.L.E., ha presentato il 20 luglio 2010 un’interrogazione prioritaria al Parlamento europeo chiedendo quali iniziative intenda adottare la Commissione europea nei confronti del progetto Snam di gasdotto “Rete Adriatica”.  

Il deputato verde europeo ha evidenziato le caratteristiche pesantemente impattanti del progetto: la lunghezza complessiva di km. 687 (tubazione di diametro 1.200 mm. a mt. 5 di profondità, servitù di mt. 40), un unico tracciato dal Sud (Massafra, Prov. Taranto) fino all’Italia settentrionale (Minerbio, Prov. Bologna). Prosegui la lettura…

Due ecologisti da votare!

 

Carelo Consiglio

Carlo Consiglio

Due candidati da votare alle prossime elezioni regionali del 28-29 marzo 2010, due ecologisti di sicura e salda fede: Carlo Consiglio e Andrea Zanoni.

Carlo Consiglio è romano, ha 81 anni, è il presidente nazionale della Lega per l’Abolizione della Caccia. Professore emerito di Zoologia nell’Università degli Studi “La Sapienza”, è un autentico faro per l’ecologismo e l’animalismo in Italia. E’ candidato nella lista Verdi per Bonino alle elezioni regionali del Lazio (circoscrizione di Roma).

Andrea Zanoni è veneto, ha 45 anni (quasi), è presidente della Lega per l’Abolizione della Caccia – Veneto e dell’associazione locale

Andrea Zanoni

Andrea Zanoni

Paeseambiente.  Combatte da anni, senza risparmio, per la difesa della fauna e del territorio in una regione che sembra essersi venduta al dio denaro.  E’ candidato nella lista Italia dei Valori alle elezioni regionali del Veneto (capolista circoscrizione di Treviso).

Stefano Deliperi

 

(foto da mailing list ecologista)

Nell’inceneritore può finirci dentro di tutto…

Quando l’Assessore e l’Imprenditore vanno a magnà la coda alla vaccinara…

L’inquinamento degli altri, l’inceneritore di Malagrotta (Roma) e la diossina “abbattuta” in Puglia.