Archivio

Post Taggati ‘paesaggio’

Abusivi e farabutti di tutta Italia, unitevi! La strada vi sarà spianata…

Piazza del Campo, Siena

Piazza del Campo, Siena

Il Governo si propone di stravolgere la Costituzione.  In un colpo solo il premier Silvio Berlusconi (insieme al Ministro dell’economia Giulio Tremonti) cerca di recuperare il forte calo di gradimento nei confronti del suo governo, liberalizzando l’attività imprenditoriale e tentando di scardinare qualsiasi forma di corretta gestione del territorio del Bel Paese.

Con una semplice autocertificazione qualsiasi personaggio in cerca d’autore e autonominatosi imprenditore potrebbe tirar sù uno show room di macchinari agricoli in Piazza del Campo, a Siena.   Con una semplice autocertificazione un banalissimo prestanome potrebbe aprire l’ennesima città mercato controllata dalla camorra nei pressi di uno svincolo autostradale alla faccia di qualsiasi pianificazione commerciale.

Dissesto idrogeologico, lavoro nero, abusivismo edilizio, criminalità organizzata, morti e infortuni sul lavoro, mancato rispetto dei diritti dei lavoratori, precariato.

Siamo alla follìa. Prosegui la lettura…

Un giro di vite salutare sulle autorizzazioni paesaggistiche.

La “nuova” tutela paesaggistica.

18 Gennaio 2010 Commenti chiusi

La tutela del Bel Paese.

6 Gennaio 2010 Commenti chiusi

“Salvaguardia del paesaggio: perché e come”.

29 Ottobre 2009 Commenti chiusi

Palazzinari dell’energia, la speculazione dell’eolico.

15 Luglio 2009 Commenti chiusi

Il rinnovato codice dei beni culturali e del paesaggio.

11 Aprile 2008 Commenti chiusi

Riforma del Codice dei beni culturali e del paesaggio.

Stato e Regioni per la tutela del paesaggio.

13 Marzo 2008 Commenti chiusi

Chi sono i padroni del paesaggio ?

29 Gennaio 2008 Commenti chiusi

Paesaggio e stazzi della Gallura sbancati senza pietà !


Le associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d?Intervento Giuridico hanno inoltrato un esposto (5 giugno 2007) alle amministrazioni pubbliche (Ministeri per i beni e attività culturali e dell?ambiente e tutela del territorio, Presidenza della Regione, Assessorati regionali dell?urbanistica e della difesa dell?ambiente, Comune di Tempio Pausania, Servizio tutela del paesaggio, Soprintendenza ai beni ambientali di Sassari), al Corpo forestale e di vigilanza ambientale, alla Commissione Europea ed alla Magistratura competenti in relazione al recente avvìo dei lavori per la realizzazione di un intervento turistico-edilizio (residenze stagionali, struttura turistico-ricettiva, ecc.) nell?ambito di una variante del piano di lottizzazione ?Li Lieri”, nella frazione di San Pasquale, in Comune di Tempio Pausania (OT).

Numerosi turisti e residenti di San Pasquale hanno segnalato agli Amici della Terra ed al Gruppo d?Intervento Giuridico quello che appare una pesante iniziativa di radicale modifica del paesaggio agrario della Gallura interna. Macchie mediterranee, graniti, stazzi, pascoli finora con qualche abitazione sparsa diventerebbero un qualsiasi centro turistico-immobiliare.

Una variante al piano di lottizzazione originario (anni ?70 del secolo scorso), proposta dal Nuovo Consorzio Li Lieri, è esser stata adottata con deliberazione Consiglio comunale n. 28 del 22 marzo 2005 ed approvata definitivamente, dopo reiezione delle ?osservazioni? pervenute, con deliberazione Consiglio comunale n. 25 del 27 marzo 2006. L?area interessata dall?intervento edilizio appare estendersi a ?macchie di leopardo?, su 210.000 mq., mentre la volumetria complessiva d?interesse privato (residenze + struttura ricettiva) prevista risulta pari a mc. 73.578,75 (non si è a conoscenza della volumetria complessiva di interesse pubblico prevista). L?area interessata ricade in zona ?F ? turistica? del vigente programma di fabbricazione ? P. di F.

L?area è tutelata con specifico vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e successive modifiche ed integrazioni) per la presenza di macchia mediterranea. Nel piano paesaggistico regionale ? P.P.R. rientra nell?ambito di paesaggio costiero n. 17 ?Gallura nord orientale? (art. 14 delle norme tecniche di attuazione ? n.t.a.) ed è classificata ?area naturale e sub-naturale? (boschi), ??area semi-naturale? (boschi), ?aree ad utilizzazione agro-forestale? (colture erbacee specializzate) e ?insediamenti turistici?. Essendo comunque il Comune di Tempio Pausania sprovvisto di piano urbanistico comunale ? P.U.C. definitivamente approvato ed in vigore, si applicano per tale ambito di paesaggio costiero le disposizioni cautelari provvisorie di cui all?art. 15, comma 3°, delle norme tecniche di attuazione del P.P.R. Inoltre, ovviamente prima dell?inizio dei lavori, i progetti di interventi turistico-immobiliari e/o di trasformazione urbanistica di tali dimensioni devono essere sottoposti al preventivo e vincolante procedimento di verifica preventiva – ?screening?, procedimento che non risulta esser stato effettuato.

Si attendono, quindi, rapidi accertamenti prima che un altro pezzo di Sardegna perda le sue caratteristiche ambientali e paesaggistiche.

Amici della Terra e Gruppo d?Intervento Giuridico

(foto S.D., archivio GrIG)

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , , ,

Tuvixeddu, intervento ecologista in difesa della tutela del paesaggio.


L?associazione ecologista riconosciuta Amici della Terra, grazie al prezioso operato degli avv.ti Carlo Augusto Melis Costa e Guendalina Garau, interviene davanti al T.A.R. Sardegna in favore delle ragioni della tutela paesaggistica dei Colli cagliaritani di Tuvixeddu ? Tuvumannu poste in pericolo dai ricorsi della società Nuove Iniziative Compresa s.r.l. e del Comune di Cagliari avverso i decreti dell?Assessore regionale dei beni culturali n. 2323 del 9 agosto 2006 e n. 2836 del 12 ottobre 2006. I provvedimenti assessoriali hanno concluso un fin troppo lungo iter procedimentale culminato nella deliberazione della Commissione provinciale per le bellezze naturali n. 1 del 16 ottobre 1997 che individuava un?ampia area dei Colli di Tuvixeddu e Tuvumannu da tutelare con il vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004). La Società immobiliare ed il Comune di Cagliari hanno impugnato i provvedimenti di tutela paesaggistica ritenendoli lesivi dell?accordo di programma (art. 27 della legge n. 142/1990 e successiva modifiche ed integrazioni) posto a base dell?intervento edilizio residenziale (circa 300 mila metri cubi di volumetrie complessive), viabilità, opere connesse stipulato fra Regione, Comune e Privati il 15 settembre 2000. Secondo i provvedimenti di tutela regionali, il contenuto dell?accordo di programma sarà oggetto di una proposta di rimodulazione che potrà prevedere riduzioni e spostamenti di volumetrie: al di là di varie argomentazioni comprendenti anche pesanti allusioni sulla persona dell?Assessore dei beni culturali Elisabetta Pilia, i due corposi ricorsi ? secondo l?intervento ad opponendum ecologista ? non dimostrano in alcun modo la lesività delle rispettive posizioni comunali e private da parte dei provvedimenti di tutela. Da un quindicennio le associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d?Intervento Giuridico ? con azioni legali e di sensibilizzazione in tutte le sedi ? sostengono la destinazione del Colle di Tuvixeddu, sede della più importante necropoli punico-romana del Mediterraneo, ad un grande parco archeologico-ambientale per la città di Cagliari. Parco che costituirebbe anche seria occasione di equilibrata crescita economico-sociale. Con decreto ministeriale 2 dicembre 1996 un?ampia area del Colle è stata assoggettata a vincolo storico-archeologico (decreto legislativo n. 42/2004 e successive modifiche ed integrazioni) e sono in corso di realizzazione, sostenuti da cospicui fondi pubblici, i lavori per la destinazione a parco pubblico di buona parte dell?area, dove tuttavia continuano ad incombere assurdi progetti di viabilità ed eccessive pretese edificatorie private.

Gruppo d?Intervento Giuridico e Amici della Terra

Aggiornamento: con deliberazione n. 46/1 del 14 novembre 2006 la Giunta regionale ha ritenuto opportuno revocare i decreti assessoriali impugnati, “richiamando, ai fini della salvaguardia, l’immediata applicazione dell’art. 15, comma 4, delle norme tecniche di attuazione del Piano paesaggistico regionale” anche ai fini dell’eventuale rimodulazione dell’accordo di programma immobiliare relativo ai Colli di Tuvixeddu – Tuvumannu. Il Presidente della Regione avrà ora il compito di convocare i soggetti sottoscrittori dell’accordo di programma e gli ulteriori soggetti interessati (Soprintendenze, ecc.) per quanto di competenza.

(foto S.D., archivio GrIG)

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , , ,