Archivio

Post Taggati ‘sarroch’

Reportage dalla Valle di Monte Nieddu.

10 Gennaio 2011 Commenti chiusi

Video importato

YouTube Video

Le Valli del Rio Monte Nieddu e del Rio Canargius, nei Comuni di Villa S. Pietro, Pula e Sarroch (CA) sono teatro da anni di un assurdo scempio ambientale unito – come spesso accade – a un ignobile sperpero di fondi pubblici (complessivamente allo stato attuale forse 60 milioni di euro).

In poche parole, un cantiere per la realizzazione di un invaso privo di logica e di decenza: il progetto della diga di Monte Nieddu-Is Canargius.

Qui trovate la storia:

*http://gruppodinterventogiuridico.blog.tiscali.it/2009/01/04/qualche_domanda_al_presidente_assessore_mannoni_sulla_diga_di_monte_nieddu_is_canargius__1957977-shtml/

*http://gruppodinterventogiuridico.blog.tiscali.it/2008/06/09/ma_che_vogliono_l_acqua_o_la_diga___1901895-shtml/

Il nostro inviato speciale Juri Iurato è andato sul posto ed ecco le immagini: http://www.flickr.com/photos/57785186@N06/sets/72157625753393316/ .

Gruppo d’Intervento Giuridico

Tre operai morti alla S.A.R.A.S.: la Procura della Repubblica chiede i rinvii a giudizio.

Video importato

YouTube Video

L’indagine per il tragico incidente sul lavoro del 26 maggio 2009 nella raffineria della S.A.R.A.S. s.p.a. di Sarroch (CA) vede ora la conclusione. La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari ha chiesto il rinvio a giudizio di Gianmarco Moratti, presidente del Consiglio di amministrazione, Dario Scaffardi, direttore generale, Antioco Mario Gregu, direttore delle operazioni industriali, Guido Grosso, direttore della raffineria, Antonello Atzori, responsabile dell’Area produttiva, Francesco Ledda, rappresentante legale della ditta d’appalto Co.Me.Sa.

Mentre sta per arrivare il sequel del film documentario Oil, oggi a Cagliari viene presentato l’interessante libro “Nel Paese dei Moratti” di Giorgio Meletti, in questi giorni in libreria per i tipi di Chiarelettere.  Racconta proprio la storia di tre morti sul lavoro, un contesto sociale ed economico, un mezzo disastro ambientale.

Gruppo d’Intervento Giuridico Prosegui la lettura…

Nel Paese dei Moratti. Sarroch-Italia, una storia ordinaria di capitalismo coloniale.

inquinamento_aria[1]

La raffineria del gruppo Saras s.p.a. di Sarroch (CA) ha emesso 6 milioni di tonnellate di anidride carbonica, 1.330 tonnellate di ossido di carbonio, 4.150 tonnellate di ossidi di azoto, 7.390 tonnellate di anidride solforosa, 25 chili di arsenico, 16 chili di cadmio, 372 chili di cromo, 1.740 chili di nickel, 17 tonnellate di benzene, 223 tonnellate di PM10 nel corso del 2007 (dati: European Pollutant Release and Transfer Register, 2007).    

Ma la realtà non è solo questa.     Di seguito è la premessa (“Questo libro”) dell’interessante libro “Nel Paese dei Moratti” di Giorgio Meletti, in questi giorni in libreria per i tipi di Chiarelettere.  Racconta una storia, tre morti sul lavoro, un contesto sociale ed economico, un mezzo disastro ambientale.   Vale la pena leggerlo.

Gruppo d’Intervento Giuridico

Le morti sul lavoro non sono un fenomeno meteorologico. Nel 2009 in Italia sono rimaste per la prima volta sotto quota mille, tre per ogni giorno feriale, e secondo l’Inail (Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro) il calo è dovuto anche alla crisi e al rallentamento dell’economia. Nel nostro sistema, dunque, un certo numero di cadaveri è considerato un naturale prodotto del metabolismo industriale. Prosegui la lettura…

“Oil” torna sugli schermi?

Oil: il film che fa paura alla Saras.

Lingue tagliate per il dio petrolio.

Categorie:Primo piano Tag: ,

La vita al cospetto del dio petrolio.

Ancora pessima qualità dell’aria a Sarroch, una richiesta formale d’intervento !

Categorie:Primo piano Tag: , , ,

La SARAS supera i limiti per le emissioni in atmosfera.

Qualità dell?aria a Sarroch, si deve provvedere alla salute pubblica !


Le associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d?Intervento Giuridico hanno inoltrato una specifica richiesta (16 giugno 2007) al Ministero dell?ambiente, al Comune di Sarroch, agli Assessorati regionali della sanità e della difesa dell?ambiente, all?Assessorato alla tutela dell?ambiente della Provincia di Cagliari per l?adozione dei necessari provvedimenti di tutela della salute pubblica in relazione alla grave situazione della qualità dell?aria nel territorio comunale sarrochese.

Infatti, dagli ultimi dati recenti validati e resi pubblici, il rapporto sulla qualità dell?aria relativo all?anno 2005, elaborato dalla Provincia di Cagliari sulla base dei dati rilevati dalle stazioni della propria rete di rilevamento, emerge chiaramente una situazione di rischio per la salute pubblica nel territorio comunale di Sarroch determinata dai seguenti dati:
* nel corso del 2005 la concentrazione di biossido di zolfo (stazione di rilevamento CENSH2) ha superato due volte la soglia di allarme di 500 mg/mc per tre ore consecutive e per ben 59 ore non consecutive è stata superata la detta soglia, con una punta oraria di addirittura 1.365 mg/mc. E? stato, inoltre, superato per 126 volte il valore orario di 350 mg/mc, mentre tale valore non deve essere superato per più di 24 volte in un anno. Infine, per ben 11 volte è stato superato il limite di 24 ore per la protezione della salute umana;
* nel corso del 2005 la concentrazione di ?polveri sottili – PM 10? (stazione CENHS9) ha superato per 55 volte il limite di 50 mg/mc, contro un limite massimo annuo di 35 volte.

Il sistema di monitoraggio provinciale della qualità dell?aria ? installato in base a previsione di legge (D.P.R. n. 203/1988, D.P.C.M. 28 marzo 1983, D.M. 25 novembre 1994) ? verifica giornalmente i livelli di inquinamento dell’aria di alcune zone industriali (es. Portoscuso, Sarroch, Macchiareddu, ecc.) ,fornendo quotidianamente le medie dei rilevamenti effettuati. I dati riportati sono elaborati ai sensi e per gli effetti di cui al D.M. 2 aprile 2002, n. 60, attuativo delle direttive nn. 1999/30/CE (valori limite per biossido di zolfo, ossido di azoto, particelle, piombo), 2000/69/CE (valori limite per benzene, monossido di carbonio) e 2002/03/CE (valori limite per l?ozono).

Quali sono i rischi per la salute umana ?

Per le polveri sottili ? PM 10: ?Recenti studi hanno evidenziato un ruolo preminente delle polveri nel produrre effetti dannosi a carico dell’apparato respiratorio. La loro pericolosità è dovuta alle sostanze di cui sono composte e a ciò che trasportano, ma anche dalla dimensione minuta. Particelle così piccole sono capaci di entrare nell’apparato respiratorio neutralizzando tutte le difese e i tentativi del corpo umano di farle uscire. L’azione nociva delle polveri varia in rapporto alle dimensioni delle particelle: quelle con diametro superiore a 30 micron vengono trattenute nella parte alta dell’albero respiratorio ed espulse con colpi di tosse; quelle con diametro inferiore a 3 micron raggiungono direttamente gli alveoli polmonari ove si arrestano?. (fonte: sito web istituzionale del Comune di Cagliari, www.comune.cagliari.it).

Per il biossido di zolfo: ??ha un effetto irritante sulle prime vie respiratorie .. provocando spesso un senso di stanchezza. In associazione alle polveri e particelle liquide, nelle quali viene assorbito, può raggiungere gli alveoli polmonari sui quali esercita direttamente una azione tossica ben più grave. Provoca crisi asmatiche, in particolare nei soggetti che già soffrono di asma bronchiale. L?esposizione cronica determina aggravamenti di patologie dell?apparato respiratorio, quali polmonite, bronchiti, tracheiti?. (fonte: sito web istituzionale del Comune di Cagliari, www.comune.cagliari.it).

Nei più recenti studi (il rapporto ?Ambiente e salute nelle aree a rischio della Sardegna? e il ?Rapporto Sarroch ambiente e salute?, 2 ottobre 2006, di Annibale Biggeri, Dolores Catelan e Fabio Barbone) è stata descritta la mortalità e i ricoveri ospedalieri per l?area di Sarroch che comprende i comuni di Sarroch ma anche di Villa San Pietro, Capoterra e Assemini, per una popolazione di 52.385 abitanti (censimento 2001) sono contenute valutazioni poco rassicuranti.

?I risultati dell?area di Sarroch vanno commentati alla luce di precedenti indagini condotte nell?area. I lavoratori dello stabilimento di Assemini, dove veniva prodotto cloruro di vinile monomero da dicloroetano e polimero, sono stati inclusi nello studio di coorte degli esposti a cloruro di vinile monomero in Italia; i soggetti sono stati identificati dai cedolini degli stipendi del 1973 e del 1980 e per essi non è stata condotta l?analisi di mortalità, a causa della scarsa qualità dei dati disponibili. ? I risultati preliminari dello studio DRIAS (Disturbi Respiratori nell?Infanzia e Ambiente in Sardegna (www.drias.it) hanno rilevato nei bambini delle scuole elementari di Sarroch una frequenza più elevata di sintomi ostruttivi e bronchitici rispetto ai coetanei delle scuole nei comuni di confronto. La campagna di misurazioni della qualità dell?aria con dosimetri passivi, parte della suddetta indagine, ha documentato e confermato livelli alti di concentrazione di anidride solforosa a Sarroch, come anche di BTX (benzene, toluene, cilene), sia in corrispondenza di una delle centraline della Provincia che nelle scuole di Via Carducci e Via Fermi. ? Il sistema di monitoraggio della qualità dell?aria della Provincia di Cagliari ha documentato, http://www.provincia.cagliari.it/ambiente/qa/index1.html, la presenza, ancora nel 2005, di concentrazioni di anidride solforosa superiori ai limiti di legge (125 mg /m3 , media giornaliera). ? La raffinazione del petrolio e l?industria chimica di base sono rilevanti attività produttive nell?area di Sarroch, le conoscenze epidemiologiche su tali attività sono un elemento di lettura dei risultati osservati. L?evidenza epidemiologica relativa alla raffinazione del petrolio documenta un aumento di rischio per il tumore della cute, e i tumori del sistema linfoematopoietico; essa suggerisce incrementi di rischio per il tumore del polmone, della vescica, e del fegato.

Ed ancora ?Sulla base dell?evidenza epidemiologica disponibile il ruolo delle esposizioni occupazionali negli incrementi di rischio osservati negli uomini per malattie dell?apparato respiratorio, tumori di polmone, pleura, fegato e tessuto linfoematopoietico può essere considerato possibile; anche il forte rischio per pneumoconiosi, in diminuzione tra i più giovani, probabile retaggio dell?attività mineraria ora dismessa, segnala il ruolo di esposizioni lavorative, per esse va considerata anche la possibilità di codifiche opportunistiche. Per il tumore della pleura, a prevalente eziologia occupazionale, è necessario avviare la sorveglianza epidemiologica e l?analisi delle modalità di esposizione per i casi incidenti di mesotelioma maligno sull?intero territorio regionale. Agli aumenti di rischio per patologie tumorali e non tumorali dell?apparato respiratorio ha probabilmente contribuito l?inquinamento dell?aria da fonti industriali, documentato da misurazioni della qualità dell?aria che soffrono del limite di riferirsi ad anni recenti.?

In particolare, si ricorda che il Rapporto sullo stato di salute delle popolazioni residenti in aree interessate da poli industriali, minerari e militari della Sardegna è stato promosso dall?Assessorato regionale della sanità grazie all?Osservatorio epidemiologico regionale ed a fondi del Quadro comunitario di sostegno ? P.O.N. ATAS 2000-2006 gestito dal Ministero della salute e dalla Società E.S.A., riguarda 18 aree del territorio regionale e prende in esame, in relazione ai residenti in Sardegna, l?evoluzione della mortalità nel periodo 1981?2001 (oltre 279.000 decessi) e la prevalenza delle patologie in base all?archivio dei ricoveri 2001?2003 (oltre un milione di ricoveri). A Sarroch ha evidenziato un eccesso nel periodo complessivo preso in esame, rispetto alla media regionale, del 13 % per i tumori del polmone.

Più specificamente, lo studio Drias (Disturbi Respiratori nell’Infanzia e Ambiente in Sardegna, sempre fondi del Quadro comunitario di sostegno ? P.O.N. ATAS 2000-2006 gestito dal Ministero della salute) ha preso in esame i disturbi respiratori dei bambini che vivono nelle aree a rischio ambientale della vecchia Provincia di Cagliari. I risultati relativi a Sarroch si commentano da soli: vi è il doppio della media generale dei ricoveri per asma, tali dati sono confermati dall?archivio dei ricoveri regionali (+ 11 % dei bambini e + 28 % delle bambine, età 0-14 anni). I dati confermano gli indici della mortalità ISTAT 1997-2001 e le schede di ricovero ospedaliero: a Sarroch si verificano eccessi rispetto alla media regionale tra gli uomini del 10 % per le malattie dell?apparato respiratorio e del 13-24 % per i tumori al polmone, tra le donne del 10-16 % per le malattie dell?apparato respiratorio e del 20 % per i tumori al polmone.

E? inutile nascondersi dietro un dito: la qualità dell?aria nella zona di Sarroch dipende dalla presenza di un importantissimo polo industriale. Dalla Saras s.p.a. (la prima raffineria italiana con il 15 % del petrolio trattato, quasi 5 miliardi di euro di fatturato, circa 200 milioni di euro di aiuti pubblici in dieci anni, circa 1.100 dipendenti e centinaia di posti di lavoro indiretti, ma anche ? secondo l?Eper, il registro europeo delle emissioni inquinanti, dati 2004 ? al 3° posto in Italia per emissioni di PM 10 con 275 tonnellate annue, all?11° posto per gli ossidi di zolfo con 8.180 tonnellate annue) alla Liquigas, dalla Polimeri Europa (400 addetti e pesanti emissioni di biossido di zolfo e di idrocarburi policiclici aromatici) alla Sasol Italy, solo per considerare le principali industrie.

Davanti ad una situazione che non si può certo definire delle più felici, gli Amici della Terra ed il Gruppo d?Intervento Giuridico hanno chiesto che vengano adottati i provvedimenti amministrativi previsti dall?art. 39 del D.M. n. 60/2002 in base ai piani di risanamento e tutela della qualità dell?aria (artt. 7-8 del decreto legislativo n. 351/1999 e 4 del D.P.R. n. 203/1988) ovvero ? in caso di inadempienza ? l?esercizio dei poteri sostitutivi statali di cui all?art. 5 del decreto legislativo n. 112/1998.

Gruppo d?Intervento Giuridico e Amici della Terra

(foto C.B., archivio GrIG)

Riferimenti: rapporto D.R.I.A.S.

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , , , , ,