Archivio

Post Taggati ‘speculazione immobiliare’

Taglio degli alberi nella Pineta di S. Lucia, a Siniscola!

S. Lucia, Pineta, alberi tagliati

S. Lucia, Pineta, alberi tagliati

Questa mattina, di buon’ora, tre operai con motoseghe si sono messi all’opera per far fuori un po’ di alberi nella Pineta costiera di S. Lucia, in Comune di Siniscola (NU).

La rapida e vivace reazione dei residenti, membri del coraggioso Comitato Salviamo Santa Lucia, ha portato all’intervento dei Carabinieri e del Corpo forestale e di vigilanza ambientale.     Non si sa di quali eventuali autorizzazioni disponga la squadra di operai e non ci vuole una fervida fantasia per immaginare che i lavori siano da mettere in rapporto con il progetto per la realizzazione di un complesso alberghiero da parte della Società S. Lucia Immobiliare. Prosegui la lettura…

Lo scempio ambientale di Malfatano e Tuerredda va al TG 3!

lavoratori e "rispetto" delle norme di sicurezza, cantiere S.I.T.A.S. s.p.a., Tuerredda

lavoratori e "rispetto" delle norme di sicurezza, cantiere S.I.T.A.S. s.p.a., Tuerredda

Venerdi 11 marzo 2011, dopo le ore 23.50, andrà in onda al TG 3 – Linea Notte un ampio servizio giornalistico di Giorgio Galleano sulla speculazione immobiliare in corso a Malfatano e Tuerredda, costa di Teulada (CA).  In studio Salvatore Settis, archeologo, già Direttore della Scuola Normale di Pisa e Presidente del Consiglio superiore dei Beni Culturali.

Il servizio giornalistico era già stato programmato per venerdi 25 febbraio 2011, ma era stato rinviato per l’acuirsi della crisi libica.

Buona visione!

Gruppo d’Intervento Giuridico Prosegui la lettura…

S.O.S. Terravecchia (S. Teresa di Gallura)!

Terravecchia, S. Teresa di Gallura

Terravecchia, S. Teresa di Gallura

 

Le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra hanno inoltrato (8 marzo 2011) una richiesta di parere vincolante negativo al rilascio dell’autorizzazione paesaggistica al Ministero per i beni e le attività culturali, alla Direzione generale per i beni culturali e paesaggistici per la Sardegna e alla Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici di Sassari riguardo un progetto turistico-edilizio (complesso alberghiero suddiviso in varie unità immobiliari) di circa 13.000 metri cubi di volumetrie complessive in loc. Terravecchia, sul fiordo di Lungoni, in Comune di Santa Teresa di Gallura (OT). Prosegui la lettura…

Assalto speculativo alla piana di Castiadas.

paesaggio agrario, Sardegna

paesaggio agrario, Sardegna

 

Le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra hanno inoltrato (7 marzo 2011) una specifica richiesta di informazioni a carattere ambientale e di adozione di opportuni interventi riguardo la recente (verbale dell’1 dicembre 2010) verifica di coerenza delle volumetrie rispetto al piano paesaggistico regionale – P.P.R. riferita a ben 14 piani di lottizzazione nella piana di Castiadas (CA) al Ministro per i beni e le attività culturali, all’Assessore regionale dell’urbanistica, al Soprintendente per i beni ambientali di Cagliari, al Direttore del Servizio tutela del paesaggio di Cagliari, al Corpo forestale e di vigilanza ambientale, ai Carabinieri del N.O.E.

Nel contempo è stata interessata la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari per le valutazioni di competenza. Prosegui la lettura…

La Sardegna terra promessa della speculazione golfistica?

Pineta costiera di Is Arenas e gru

Pineta costiera di Is Arenas e gru

La Commissione permanente “urbanistica” del Consiglio regionale della Sardegna si appresta a varare un testo unificato sulla promozione del golf, che sarà successivamente sottoposto all’esame dell’Aula assembleare. L’originaria proposta di legge dei Riformatori (la n. 83 del 12 ottobre 2009) sarebbe stata modificata in più punti, indicando nei soli progetti di qualità quelli da approvare e sostenere. Prosegui la lettura…

Stop al cemento sull’Isola di S. Stefano!

costa Gallura

costa Gallura

Le associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico hanno inoltrato (16 dicembre 2010) una specifica richiesta di informazioni a carattere ambientale e adozione di opportuni interventi riguardo il progetto turistico-edilizio della Vela Marina s.r.l. sull’Isola di S. Stefano, nell’Arcipelago della Maddalena (Comune di La Maddalena, OT).

Coinvolti i Ministeri dell’ambiente e dei beni e attività culturali, la Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici, il Servizio regionale valutazione impatti e il Servizio regionale tutela paesaggistica, la Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici, il Comune di La Maddalena, l’Ente Parco nazionale dell’Arcipelago della Maddalena. Prosegui la lettura…

“Un turista è un portafogli con le gambe!”

Costa Verde

Costa Verde


Le idee e i programmi sono semplici e chiari, per chi vuol capire: “il turismo non è poesia. Un turista è un portafogli con le gambe, afferma Luca Giacomelli, direttore generale e consigliere di amministrazione della Real Estate Serenissima s.p.a., controllata dalla Autostrada Brescia-Padova s.p.a., titolare dell’autostrada Brescia-Verona-Vicenza-Padova e proprietaria dei 1.500 ettari di Costa Verde (Arbus) recentemente acquistati dalla Valtur (da L’Unione Sarda, edizione dell’11 dicembre 2010, pag. 43).

Concetti, quindi, tanto beceri quanto pratici.   Chi pensa e afferma cose simili, molto probabilmente pensa anche che “pendolari e viaggiatori sono portafogli con le ruote” e che “gli arburesi sono indigeni con un tesoro” ambientale naturale da sfruttare. Prosegui la lettura…

Tuvixeddu, archeologia in saldi e Tribunali.

Lo Stato ritorna ad essere l'arbitro finale della sorte di Tuvixeddu.

Concluse le indagini della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari su Tuvixeddu, dagli accertamenti svolti dal nucleo investigativo della polizia giudiziaria del Corpo forestale e di vigilanza ambientale emergerebbe il rinvenimento di 421 sepolture al di fuori dell’area prevista del parco archeologico e ambientale indicato dall’accordo di programma Regione-Comune-Privati dell’ottobre 2000, ma rientranti – secondo le conferme della Soprintendenza archeologica cagliaritana – nell’area tutelata con il vincolo storico-culturale diretto o indiretto (artt. 10 e ss. del decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i., individuazione con D.M. 2 dicembre 1996). Prosegui la lettura…

Fermiamo in tempo le ruspe a Terravecchia (S. Teresa di Gallura)!

la macchia di Terravecchia, S. Teresa di Gallura

la macchia di Terravecchia, S. Teresa di Gallura

Le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra hanno inoltrato (7 dicembre 2010) una richiesta di informazioni a carattere ambientale e di adozione di opportuni interventi riguardo un progetto turistico-edilizio (complesso alberghiero suddiviso in varie unità immobiliari) nell’ambito del piano di lottizzazione del comparto F4.2.1 in loc. Terravecchia, sul fiordo di Lungoni, in Comune di Santa Teresa di Gallura (OT).   Sono stati interessati il Ministero per i beni e le attività culturali, l’ Assessorato regionale dell’urbanistica, la Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici di Sassari, il Comune di S. Teresa di Gallura, il Corpo forestale e di vigilanza ambientale, il Servizio regionale tutela paesaggistica e, per opportuna informazione, la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Tempio Pausania. Prosegui la lettura…

Cronaca di una speculazione edilizia annunciata, Malfatano e Tuerredda. Dossier aggiornato (prima parte).

 

Capo Malfatano

Capo Malfatano


Quanto sta accadendo sulla costa di Teulada (CA), fra Capo Spartivento, Tuerredda e Malfatano, ha veramente dell’incredibile.  Ancora nel XXI secolo la Sardegna vede massacrato dal cemento e dall’antropizzazione uno dei suoi luoghi più belli in nome della speculazione, dell’insipienza, dell’arroganza.   E’ uno dei pochi grandi tratti di costa (circa 35 km.) ancora in gran parte integri del Mediterraneo.    Rocce, piccole calette (Tuerredda, Campionna, Piscinnì), ambienti dunali, stagni (Piscinnì, Tuerredda), porti naturali già utilizzati in antichità (come la Merkat fenicia nel rìas di Malfatano), tutelati con vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.), in parte con vincolo archeologico (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.), destinati ad area marina protetta (legge n. 394/1991 e s.m.i.). Prosegui la lettura…

Cronaca di una speculazione edilizia annunciata, Malfatano e Tuerredda. Dossier aggiornato (seconda parte).

Copia-di-DSC_0218

L’approvazione urbanistica e paesaggistica dei piani di lottizzazione.           L’Amministrazione comunale di Teulada in precedenza aveva approvato definitivamente (deliberazioni Consiglio comunale nn. 9-13 del 21 marzo 2001, precedenti adozioni con deliberazioni C.c. nn. 47-51 del 30 giugno 2000) i cinque piani di lottizzazione proposti dalla S.I.T.A.S. s.p.a., su 394 ettari di costa fra Malfatano, Tuerredda e Capo Spartivento. Si trattava di 189 mila metri cubi di volumetrie complessive (quattro alberghi, quattro residences, “seconde case”, servizi, ecc.) e 2.500 posti letto + un campo da golf da 18 buche (in una zona pressochè priva di acqua). Prosegui la lettura…

Cronaca di una speculazione edilizia annunciata, Malfatano e Tuerredda (terza parte, i video).

Privatizzare i profitti, socializzare le spese. Emma, dieci e lode!

 

Mantide religiosa

Mantide religiosa

 

anche su Il Manifesto Sardo (Privatizzare i profitti, socializzare le spese), n. 85, 1 novembre 2010

La Mita Resort s.r.l. del Gruppo Marcegaglia, titolare dell’ex Arsenale di La Maddalena trasformato in struttura alberghiera con annesso porto turistico grazie a cospicui fondi pubblici, sta portando avanti un’operazione dai contorni ancora poco chiari su 47 appartamenti o loft che dir si voglia da 75-80 metri quadrati l’uno (ne seguiranno altri 40) affacciati sui 503 posti barca del porto turistico.

“È possibile partecipare alla realizzazione, in fase di ultimazione, con l’acquisto dei diritti di superficie per 40 anni sia di posti barca che di appartamenti/loft: l’attuale listino prezzi in prevendita, decisamente interessante, concretizza tutti i più rigorosi ed esigenti parametri di un ottimo investimento”, così ha scritto in numerosi messaggi a potenziali clienti la East Coast Yacht Brokers per pubblicizzarli.   Alle contestazioni La Mita s.p.a. aveva smentito e aveva parlato di “equivoco … semplificazioni linguistiche”. Prosegui la lettura…