Archivio

Post Taggati ‘verde pubblico’

S.O.S. parco di Via Versilia, a Oristano!

parco Via Versilia

parco Via Versilia

Da oltre 25 anni i residenti del quartiere di Torangius, a Oristano, curano con successo un vero e proprio parco con centinaia di alberi e arbusti realizzato a proprie spese in un ampio spiazzo fra Via Versilia e Via Marche.   Era una discarica, oggi è un rigoglioso parco, quasi un bosco in città, come accaduto in altre esperienze virtuose.

Eppure incredibilmente oggi corre il rischio di esser spazzato via. Prosegui la lettura…

Centinaia di studenti e cagliaritani per difendere un pezzo di verde pubblico e di storia!

giardino della Croce di S. Avendrace, manifestazione

giardino della Croce di S. Avendrace, manifestazione

Oggi sui quotidiani regionali, su carta stampata e on line, non troviamo che poche righe su L’Unione Sarda  e completamente fuorvianti – com’era ovvio attendersi dal giornale di proprietà di Sergio Zuncheddu, il titolare dell’Immobiliareuropea s.p.a., società che sta costruendo il complesso immobiliare “I Fenicotteri”, beneficiario dell’opera stradale – sulla bella manifestazione popolare tenutasi ieri mattina a Cagliari, nel giardino della Croce daziaria di S. Avendrace (all’incrocio fra Viale Trento, Viale Trieste e Viale S. Avendrace, davanti al Liceo-Ginnasio “Siotto”).  Oltre 300 fra studenti e docenti della prospiciente scuola superiore, residenti e operatori economici del quartiere, ecologisti, semplici cittadini cagliaritani hanno raccolto la proposta del Comitato popolare Sa Cruxi Santa di S. Avendrace alla quale avevano subito aderito le associazioni ecologiste Amici della Terra, Cagliari Social Forum, Gruppo d’Intervento Giuridico, Italia Nostra. Prosegui la lettura…

Assemblea popolare per salvare un pezzo di verde pubblico e di storia di Cagliari!

Croce di S. Avendrace

Croce di S. Avendrace

Mercoledi 24 novembre 2010, con inizio alle ore 12.30, a Cagliari, nel giardino della Croce daziaria di S. Avendrace (all’incrocio fra Viale Trento, Viale Trieste e Viale S. Avendrace, davanti al Liceo-Ginnasio “Siotto”), si svolgerà un’assemblea pubblica contro il progetto di rotatoria del Comune di Cagliari fra Via S. Gilla, Viale Trieste, Viale Trento e Viale S. Avendrace che porterebbe via un bel pezzo di verde pubblico e di storia cittadina nel giardinetto con nove alberi ad alto fusto all’incrocio fra il Viale Trento e il Viale Trieste, di fronte al Liceo-Ginnasio “Siotto”.    

La manifestazione è promossa dal Comitato popolare Sa Cruxi Santa di S. Avendrace e aderiscono le associazioni ecologiste Amici della Terra, Cagliari Social Forum, Gruppo d’Intervento Giuridico, Italia Nostra. Prosegui la lettura…

Una rotatoria “privata” sulla storia di Cagliari.

Che a Cagliari gli interessi pubblici siano al servizio degli interessi privati è cosa tanto nota quanto palese. Ora siamo al punto che un pezzo di storia cittadina, la Croce di S. Avendrace, bene storico-culturale, sarà schiaffata in mezzo a una rotatoria stradale per gli interessi dell’Immobiliareuropea s.p.a. (Gruppo Zuncheddu), al servizio del complesso immobiliare in costruzione su Via S. Gilla.

Attualmente – ma ancora per poco – è un giardinetto con nove alberi ad alto fusto all’incrocio fra il Viale Trento e il Viale Trieste, di fronte al Liceo-Ginnasio “Siotto”.  Una piccola oasi di quel verde pubblico che secondo il Comune di Cagliari viene quotidianamente aumentato.  Proprio per questo, alberi e verde saranno spazzati via per far posto alla rotatoria privata.

Il cartello “inizio lavori” è chiaro: il Comune di Cagliari, con autorizzazione n. 223424 del 19 ottobre 2010, permette all’Immobiliareuropea s.p.a. (general contractor la Cantieri Commerciali s.r.l.) la realizzazione della “sistemazione della circolazione fra le Vie S. Gilla, Viale Trieste e Viale S. Avendrace” (importo dei lavori: 141.000,00 euro).  I lavori, in base all’ordinanza comunale n. 1050/VIAB del 19 ottobre 2010, inizieranno il prossimo 2 novembre, data adeguata all’evento, la morte degli interessi pubblici cagliaritani. Prosegui la lettura…

Piazza Garibaldi, nell’ “arcipelago gulag” cagliaritano.

Piazza Garibaldi, Cagliari, sit-in

Piazza Garibaldi, Cagliari, sit-in

anche su Il Manifesto Sardo (“Cagliari al verde”), n. 82, 16 settembre 2010

Centinaia di cagliaritani, nei giorni scorsi come in pieno agosto, si sono trovati in Piazza Garibaldi contro l’ipotesi, tanto cara all’Amministrazione comunale della capitale del Mediterraneo, di far fuori un bel po’ di alberi.  Una mobilitazione un po’ insolita per una città generalmente sonnacchiosa e pigra.

Come mai?   Forse i cagliaritani iniziano ad averne le tasche piene di alcuni vezzi della propria amministrazione comunale.

Infatti, la premura del Comune di Cagliari verso il proprio verde pubblico è famosa: dagli alberi ad alto fusto della Via Amat (una delle poche vie alberate di Cagliari), deportati per far spazio a un parcheggio interrato privato a fine anni ’90 del secolo scorso, alla scalinata monumentale della Chiesa dei SS. Giorgio e Caterina, realizzata su un’area di verde pubblico lungo la Via Scano, dal tentativo abortito per la protesta popolare di far piazza pulita degli alberi in Piazza Giovanni XXIII alla recente deportazione delle Jacarandae di Piazza Maxia, l’Amministrazione comunale cagliaritana e i suoi solerti progettisti si sono distinti per un’antipatìa dalle motivazioni sconosciute verso alberi, arbusti e macchie. Prosegui la lettura…